Menu

Non soltanto calcio,
Udinese channel
amplia i programmi

I nuovi studi saranno presto realizzati all'interno dell0 stadio Friuli. Da gennaio trasmissioni anche su temi politici e cittadini

Udinese channel raddoppia. E punta a diventare la televisione di tutte le eccellenze dello sport friulano. Non soltanto Udinese quindi, ci sarà spazio anche per le Aquile dell’hockey, per il rugby, la pallavolo e la pallacanestro maschile e femminile, tutte realtà che già fanno parte della Polisportiva.

Di più. Nella nuova televisione voluta dalla famiglia Pozzo ci saranno programmi di attualità, con dibattiti e approfondimenti di politica ed economia, e focus sui problemi della città e dell’intero Friuli, visti sempre con l’occhio di uno “sportivo” a tinte bianconere.

Tutto nella “pancia” del nuovo Friuli. In attesa dell’inizio dei lavori per la futura casa dell’Udinese, stanno infatti proseguendo gli interventi di ristrutturazione della tribuna. Il caratteristico arco del Friuli disegnato da Parmegiani e Giacomuzzi Moore nel lontano 1971 (e inaugurato poi nel 1976) sarà infatti l’unico settore che non sarà abbattuto. Ma anche la tribuna verrà completamente rivoluzionata.

E lì, al posto di quella che fino a qualche tempo fa era la palestra dell’Asu, ci saranno i nuovi studi di Udinese channel. Sette studi dotati delle più moderne tecnologie con sette scenografie diverse di Patrizia Bocconi che ha già firmato quelle di Sky per Ilaria D’Amico. Le bozze del nuovo studio hanno convinto Gianpaolo Pozzo e così, dopo l’eliminazione del pallone di Italia ’90, i vertici bianconeri hanno dato il via libera anche al progetto di espansione di Udinese channel che entro la fine dell’anno si trasferirà da piazza XX settembre allo stadio Friuli.

Paron Pozzo sta lavorando per far partire anche un progetto sperimentale che permetterà ai friulani di ottenere gratuitamente e in diretta televisiva il consulto di un luminare della medicina sportiva. Si chiamerà “Udinese medical center” e sarà un format completamente nuovo.

«La cosa incredibile della famiglia Pozzo - spiega il responsabile della comunicazione web e televisiva dell’Udinese, Michele Criscitiello - è che hanno sempre nuove idee da sviluppare. I primi a credere nel progetto Udinese channel sono stati proprio Gianpaolo e Giuliana Pozzo con il direttore generale Franco Collavino». Per sviluppare il medical center, Criscitiello ha contattato un luminare del calibro di José Villarubia, ortopedico catalano che in passato ha operato anche Maradona. «Considerate le difficoltà che ci sono soprattutto per i dilettanti nell’avere un’assistenza medica qualificata - dice Criscitiello - l’Udinese ha pensato di offrire un servizio di consulenza televisiva gratuita».

Il nuovo programma dovrebbe entrare nel palinsesto con l’inizio del prossimo anno quando la squadra di Udinese channel offrirà ogni giorno almeno dieci ore di diretta con più di 15 trasmissioni. Al momento la redazione è composta

da 11 giornalisti (6 a Udine e 5 a Milano) oltre a una decina di tecnici (4 a Udine e 6 a Milano), ma quando i nuovi studi e la regia saranno pronti lo staff complessivo potrebbe salire a circa 30 persone, tutte “di stanza” al nuovo Friuli dove potrebbe trovare posto anche Telequattro.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro