Menu

Elettrodotto, il comitato
«Tradita l’autonomia Fvg»

Vita del Friuli rurale a Trieste ha manifestato per il no davanti alla Regione. Tibaldi: «Serve una commissione d’inchiesta sulle storture della politica»

MORTEGLIANO. Sono arrivati in piazza Oberdan con le bandiere giallo-blu, i forconi e una risma di carta. Se è facile da intuire il significato dei vessilli e degli attrezzi per la fienagione (ma non solo), branditi da un comitato che si intitola alla Vita del Friuli rurale, meno lo è il pacco di carta, destinato al presidente della Regione Tondo. I manifestanti contro l’elettrodotto Redipuglia-Udine Ovest, una trentina, l’hanno lasciato al protocollo per protestare il mancato riscontro alle missive. Altra ironica provocazione, il discorso in friulano del referente, Aldevis Tibaldi, che ha incuriosito i passanti.

«Una manifestazione, quella di Trieste, per dire alla casta che la ricreazione è finita – così in una nota il comitato –, che la stagione politica ha i giorni contati e che il Friuli non è più disposto a tollerare il tradimento di chi non ha saputo tutelare la sua dignità».

«Non era mai accaduto un comizio in friulano a Trieste – continua il comunicato –, per giunta davanti alle finestre di quel palazzo che non ha saputo difendere il valore culturale di un popolo, il cui unico difetto è la sua ingenua fiducia nelle istituzioni». Il comitato non ha chiesto di incontrare nessuno, «convinto che dopo cinque anni disastrosi il vertice regionale è delegittimato. Gli elettrodotti del Friuli, della Carnia e del Carso sono l’evidente dimostrazione di come ha tradito l’autonomia sancita dalla Costituzione».

Secondo il comitato, «serve una commissione d’inchiesta sulle storture della politica, sul ricatto occupazionale e dell’esito elettorale. Se Tondo pensa di farsi rieleggere con i soldi di qualche padrone del vapore sbaglia: ci sono i forconi di un popolo, non più disposto a farsi prendere in giro,

che in pochi giorni ha raccolto 8 mila sottoscrizioni per ottenere l’interramento dell’elettrodotto e che si è aggregato in massa per il ricorso al Tar».

Il comitato non ha consegnato le sottoscrizioni «per non riporle in mani delegittimate».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro