Quotidiani locali

Scritte antisemite, indagini della Digos

Sono apparse sulle rampe d’accesso alla tangenziale di Udine nel Giorno della memoria

UDINE. Le scritte sono apparse ieri. Non una data casuale, ma una scelta ben precisa per colpire la comunità ebraica nel Giorno della memoria in cui, da un capo all’altro del Paese, si ricordava lo sterminio di un popolo nei campi nazisti.

Sul muro che costeggia le rampe d’accesso alla tangenziale da Passons è comparsa la scritta «The Shoah must go on» tracciata con la vernice nera. Dietro l’infelice parafrasi della celebre canzone dei Queen, un messaggio di odio e di morte. Dello stesso tenore la scritta che è apparsa a un altro imbocco della tangenziale da viale Monsignor Nogara.

Non appena le segnalazioni sono arrivate in questura, gli agenti della Digos hanno avviato le indagini per individuare gli autori del gesto.

«Un segnale pericoloso e drammatico», secondo Marco Orioles, portavoce del comitato “Pro Israele”, che chiede alle forze dell’ordine di indagare su quanto è successo e di individuare i responsabili.

«Un fatto grave che non va inquadrato come una ragazzata – chiarisce Orioles – ma come l’ennesimo segnale di crescente e risorgente antisemitismo, ormai trasversale da destra a sinistra. Il fatto che scritte coscienti fatte da incoscienti compaiano a Udine, dove l’antisemitismo si sta diffondendo come in tutta Europa, anche se in maniera silente e sommersa, è gravissimo. Le manifestazioni pro Palestina organizzate anche qui non fanno che criminalizzare gli israeliani per fomentare un clima di odio nei confronti del popolo ebraico».


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Messaggero Veneto
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.