Menu

La Giunta salva la Provincia di Udine

Attesa oggi l’ufficialità sul voto del 21 aprile. Sarà mini-election day: assieme alle regionali saranno rinnovati 13 Comuni

UDINE. La delibera è proposta dall’assessore alle Autonomie locali, Elio De Anna. Prevede il contemporaneo svolgimento delle elezioni regionali, della Provincia di Udine e di altri 13 Comuni. E sarà mini-election day il 21 aprile. L’ufficialità è attesa oggi quando, alle 15 a Udine, la Giunta indicherà la data della tornata elettorale 2013.

Niente commissario in Provincia

Il governatore Renzo Tondo – che rientra oggi da un viaggio lampo in India – ha tentato un cambiamento, caduto nel vuoto. Poi ha annunciato: «La riforma delle Province dev’essere uno degli obiettivi iniziali della prossima legislatura. Al punto in cui siamo – aveva detto Tondo –, il territorio della Provincia di Udine non merita un trattamento diverso da Gorizia e Trieste che, bene o male che sia, sono andate a votare recentemente». E così naufraga la possibilità di avviare subito la chiusura delle Province. Se ne riparla, forse, nella prossima consiliatura, da maggio in poi.

I Comuni al voto

Al rinnovo ci saranno 13 Comuni. Quello di Udine, il più importante e l’unico nel quale, superando i 15 mila abitanti, è previsto un eventuale turno di ballottaggio. Gli altri municipi sono sette in provincia di Pordenone e cinque in provincia di Udine. Nel Friuli orientale, dal più grande per popolazione, saranno elezioni a Spilimbergo, Fiume Veneto, Zoppola, San Giorgio della Richinvelda, Polcenigo, Sequals, Arzene. In Friuli si voterà a San Daniele del Friuli, San Giorgio di Nogaro, Martignacco, Faedis e Forgaria nel Friuli.

Le scadenze per le regionali

Con l’ufficialità sul 21 aprile, unica data che incrocia sia il voto per la Regione sia quello per le amministrative, scatta il conto alla rovescia per la presentazione di simboli e liste per proporsi alle elezioni. Il termine sarà quello di sabato 16 e domenica 17 marzo.

Distretti dell’innovazione

Su indicazione dell’assessore Roberto Molinaro la Giunta darà anche il via libera al riparto di 200 mila euro ai gestori di distretti dell’innovazione.

Stipendi agli amministratori

Per contenere la spesa pubblica l’esecutivo stabilirà i compensi massimi degli amministratori delle società controllate dalla Regione. I criteri per il calcolo degli stipendi nelle Partecipate sono sette. Il patrimonio netto della

società (cui è assegnato un valore del 10%), il totale dell’attività (20%), il valore di produzione (20%), l’organico (15%), il rapporto dipendenti/dirigenti (10%), le attività rimanenti sul totale delle controllate (15%) e il numero di controllate (10%).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro