Menu

Magredi, ambito da conservare e valorizzare

Viaggio tra le peculiarità di un ambiente unico nella prima serata del ciclo “La gestione degli spazi aperti”

VIVARO. Serata divulgativa in cui sono stati affrontati importanti temi quella che, nella sala consiliare del municipio di Vivaro, ha aperto il ciclo di incontri dedicati all’ambiente, nell’ambito del progetto “La gestione degli spazi aperti: un sistema delle regole per la vivibilità e l’economia”, promosso dai Comuni di Vivaro (capofila), Maniago e Cavasso Nuovo. Nel primo degli appuntamenti in programma per tre martedì di fila, focus centrato su “La conservazione e la valorizzazione dei Magredi”. E’ stato Stefano Fabian del Servizio caccia, risorse ittiche e biodiversità della Regione, fra gli ideatori del progetto Life “Magredi Grasslands”, a guidare il pubblico in un appassionante viaggio fra le preziosità e le evidenze ambientali che il paesaggio dei Magredi possiede, anche attraverso la proiezione di suggestivi filmati e scatti dei fotografi Sergio Vaccher e Antonio Cordenons.

La serata ha fornito anche l’occasione per riproporre il libro “I Magredi, ieri, oggi e domani”, curato dal personale tecnico del Servizio regionale, ma nato da una idea degli alunni e delle insegnanti della scuola primaria Giovanni XXIII di Cavasso Nuovo, più volte premiati in concorsi regionali e nazionali sulla salvaguardia dell’ambiente naturale. Una base di lancio importante da cui partire per fare amare ai bambini l’unicità di ciò che li circonda, sensibilizzandoli e responsabilizzandoli in modo da poter essere loro in futuro i tutori dell’ecosistema dei Magredi.

I

prossimi appuntamenti, in programma martedì 26 novembre e 3 dicembre, alle 20.30, in sala Ventunis, al Dandolo, realizzati dall’Ersa in collaborazione con l’Arpa, saranno invece dedicati alla protezione del suolo e delle falde dai nitrati.

Guglielmo Zisa

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro