Menu

Vai alla pagina su Expo 2015

Stratex, appalto da
13 milioni per l’Expo

éalazzolo, vinta la gara per la realizzazione del centro servizi. E a Trieste e Firenze realizzerà decine di alloggi popolari

PALAZZOLO DELLO STELLA. Stratex ha vinto la scommessa. L’investimento da 12 milioni realizzato a Palazzolo nel 2010 comincia a dare i suoi frutti. Il più ricco è l’appalto da 13 milioni vinto all’Expo 2015 di Milano: il centro servizi porterà la firma della società friulana.

Nata a Sutrio come segheria negli anni Cinquanta, Stratex nel tempo è diventata un riferimento in regione come centro di produzione di travi e semilavorati per l’edilizia. Negli anni Ottanta si specializza e si inserisce con successo nel settore del legno lamellare. A fine anni Novanta la società della famiglia Plazzotta inizia il progetto Living, un’innovativa linea di architettura ecosostenibile e di design che nel 2010 porta all’inaugurazione dello stabilimento di Palazzolo: un investimento importante e coraggioso in un momento delicato da un punto di vista economico. La crisi da una parte e la fase di start up dall’altra costringono Stratex e i suoi dipendenti a sacrifici – «abbiamo dovuto usufruire della cassa integrazione» –, ma oggi, nonostante la fase economica non sia ancora positiva, l’azienda friulana apre una nuova era.

«Abbiamo chiuso diversi contratti e un portafoglio ordini per il 2014 di 45 milioni – spiega l’amministratrice della Stratex, Angela Maffione –. Il più importante è quello di Milano: realizzeremo assieme a Maltauro il centro servizi. Un appalto da 13 milioni. Abbiamo vinto la gara grazie alle nostre tecnologie e ai nostri pannelli brevettati Xpanel; prodotti ecosostenibili, isolanti, fonoassorbenti e facilmente montabili. Il centro servizi dovrà essere pronto a settembre del prossimo anno. Una parte del progetto sarà realizzata a Palazzolo – continua Maffione – un’altra a Sutrio, impegnando tutte le produzioni di Stratex». «Un appalto così importante non avremmo mai potuto vincerlo se non avessimo fatto l’investimento di Palazzolo. Un sacrificio importante dal punto di vista economico, ma che oggi ci consente di guardare al futuro in modo diverso. Migliore».

Un futuro che, oltre a Milano, si svilupperà fra Trieste, Firenze, Venezia, in Kazakistan, Francia e Qatar. «Abbiamo commesse nel capoluogo regionale dove assieme alla Riccesi realizzeremo cinque condomini per le Ater: in tutto lavori per 3 milioni. A Firenze invece i condomini di Casa Spa sono due, ma Stratex interviene sola: l’appalto è di 4,5 milioni. Ci sono poi l’ampliamento degli stabilimenti delle acque Sant’Anna a Vinadio (Cuneo) per un valore 2,3 milioni; a Cameri (Novara) la sala adunanze generali dei Testimoni di Geova del valore di 4 milioni in fase di realizzazione e i progetti all’estero. Ad Astana, capitale del Kazakistan – spiega Angela Maffione –, abbiamo lavori per 3,5 milioni: abbiamo realizzato il teatro e un centro wellnes. Appalto da 2 milioni a Megeve, in Francia, e poi abbiamo chiuso un appalto a Doha, in Qatar, un po’ meno importante dal punto di vista economico (500 mila euro), ma interessante in prospettiva futuro: abbiamo messo un piede anche negli Emirati».

La Stratex, poi, il 14 dicembre inaugura a Venezia il “nuovo” convitto di palazzo Foscarini: tre piani di strutture ecosostenibili. Angela Maffione conclude: «Possiamo finalmente dire di aver passato il guado e nonostante la crisi non sia ancora finita. Anzi. Molte aziende

simili alla nostra non ce l’hanno purtroppo fatta. È stata dura per tutti, ma adesso abbiamo in previsione dieci nuove assunzioni che si andrebbero ad aggiungere ai 65 dipendenti e un aumento del fatturato – quello 2013 chiuderà sui 20 milioni – di oltre il 50%».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro