Quotidiani locali

Polo commerciale, «benefici all’intera città»

Dibattito nel web. Ascom e Nuovo Corso favorevoli: un richiamo per quanti ora acquistano altrove

SPILIMBERGO. Da spauracchio per il commercio del centro a opportunità di rilancio per l’economia cittadina. Sono discordanti, i pareri che ruotano intorno a Mosaico, progetto di cui è titolare l’immobiliare Sina e che prevede la realizzazione di un nuovo polo commerciale per la vendita “food e no food” nell’area adiacente alla storica concessionaria d’autoveicoli del patron Duilio Sina.

Nei giorni scorsi, gli uffici comunali hanno dato l’ok ai permessi per edificare tre grandi fabbricati e, contestualmente, sono cominciati i lavori di bonifica dell’area occupata dal nuovo centro commerciale, circa 40 mila quadrati.

Un progetto che nasce da lontano, visto che risale ad un paio di anni fa il via libera da parte dell’esecutivo Francesconi al piano attuativo di iniziativa privata presentato dall’immobiliare. Oltre al centro commerciale, prevede un importante intervento viario: la realizzazione di una rotatoria all’incrocio tra le vie Ponte Roitero e Udine. I costi dell’opera saranno interamente coperti dall’immobiliare, al pari di quelli per la realizzazione dei parcheggi interni.

Il progetto, come tutte le novità, ha fatto nascere discussioni anche sui social network, suscitando in più di qualcuno il timore che il nuovo centro commerciale possa rappresentare un ulteriore ostacolo al rilancio delle attività commerciali in centro storico, giù duramente messe alla prova dalla crisi dei consumi. Di diverso avviso i vertici delle associazioni di categoria che nella città del mosaico rappresentano gli operatori del settore: Ascom mandamentale e associazione Nuovo Corso. Per Daniel Martin, presidente Ascom di Spilimbergo, il nuovo polo può rappresentare un ottimo volano per il rilancio dell’intero comparto, visto che vi dovrebbero trovare posto, stando a indiscrezioni, un supermercato, un negozio di abbigliamento nonchè un nuovo punto vendita del gruppo Bricofer, attualmente in via Val Montanaia, attività non direttamente concorrenziali con quelle già presenti. «Siamo anzi dell’idea – precisa Martin – che un nuovo centro commerciale a Spilimbergo possa richiamare in città coloro che oggi fanno i loro acquisti altrove». Parole, quelle di Martin, in

linea con quelle del presidente di Nuovo Corso, Alberto Commessatti: «Il rilancio del commercio in centro prescinde dal progetto Sina, che anzi può rappresentare un motivo di maggiore attrattività della clientela anche nei negozi del centro». (g.z.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista