Quotidiani locali

LE INDAGINI

Acquisita la cartella clinica Domani mattina l’autopsia

PORDENONE. Poche righe, una domanda alla magistratura: cosa è successo? A metà mattinata di ieri, il padre di Elivia, Endrid Prendi, accompagnato dall’avvocato Cristina Ardizzone, si è recato al...

PORDENONE. Poche righe, una domanda alla magistratura: cosa è successo? A metà mattinata di ieri, il padre di Elivia, Endrid Prendi, accompagnato dall’avvocato Cristina Ardizzone, si è recato al comando provinciale dei carabinieri di Pordenone. Ha depositato l’esposto col quale chiede di fare luce sulle cause della morte della sua bambina di due anni e mezzo. I tempi d’espletamento delle formalità di rito ed è rientrato nella sua abitazione di Aviano. Dove Elivia non tornerà più. Dopo meno di 24 ore dall’intervento chiururgico affrontato al Santa Maria degli Angeli, il suo cuore ha rallentato e, poi, si è inspiegabilmente fermato per sempre.

L’azienda ospedaliera ha disposto un audit interno. Nel primo pomeriggio di ieri la Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo a carico di ignoti. Il pubblico ministero Maria Grazia Zaina intende accertare quali siano state le cause che hanno determinato l’arresto cardiocircolatorio. Per questo ha disposto l’autopsia e conferito l’incarico al medico legale Alberto Furlanetto di Treviso. L’esame autoptico sarà espletato domani mattina nell’ospedale cittadino. Contestualmente il pubblico ministero ha disposto l’acquisizione della cartella clinica della bambina.

Quella a cui era stata sottoposta la piccola, era un’operazione considerata quasi di routine, pur essendo delicata così come, nei bimbi, lo è l’anestesia. L’intervento era stato compiuto, dopo la risonanza magnetica preparatoria di gennaio, venerdì mattina, il primo di una serie, ed era durato, come da previsioni, 90 minuti. Consisteva nell’asportazione di una ciste alla base della lingua, ingrossamento che, col tempo, avrebbe comportato, se non eliminato, difficoltà di deglutizione e respirazione. Il decorso post operatorio, nel reparto di terapia intensiva, era stato regolare, fino all’alba del giorno dopo.

Vi sono state complicanze a seguito dell’intervento o eventuali problemi congeniti non emersi? Perché il cuore ha ceduto? Mercoledì, dall’esame, le prime risposte. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Messaggero Veneto
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.