Menu

I magnifici otto dell'Hotel Moderno raccontano i segreti dei vip

Reunion per il personale di diverse epoche dell’albergo nel cuore di Pordenone. Dai presidenti Pertini e Ciampi alla bella Bo Derek. «Camilleri il più simpatico»

PORDENONE. «Il Moderno sta a Pordenone come il Grand Hotel a Rimini». Equazione e sentimento alla Fellini, ieri in città, tra i “magnifici otto” che hanno vissuto circa 20 anni di storia e ospitalità all’Hotel Moderno, lavorandoci.

Portieri, maitre di sala, segretari, factotum, ma soprattutto amici, con l’ex direttore Onelio Buttò che ha gestito l’hotel dal 1983 al 1999. «I vip – racconta – passavano tutti di qui e scendevano al Moderno».

All’appello con Buttò, ieri per lo spritz al Posta, c’erano gli altri sette “ex”: il direttore Rino Tognato, in servizio dal 1999 al 2005, Rino Fignon, ex maitre di sala, Luigi Zambon, portiere dal 1961 al 2005, Diego Poffo, capo-ricevimento dal 1981 al 2005, Pietro Povoledo, portiere dal 1986 al 2004, Paolo Sgobba, assistente del direttore dal 1982 al 2007 e Norgino Cusan portiere e segretario dal 1985 al 1998.

«Ogni tanto ci troviamo – raccontano rigenerando gli anni mitici della Pordenone “da bere”, quando le aziende tiravano –. Un pranzo, quattro chiacchiere tra amici e ciao, ci aggiorniamo alla prossima rimpatriata. Abbiamo visto radere al suolo il vecchio teatro Verdi e la polvere ce la siamo sentita addosso per giorni. Finestre chiuse, ma entrava lo stesso. La rinascita del Verdi è stata decisamente meglio».

E fioccano le storie dei vip, come «i presidenti Ciampi e, prima ancora, Pertini, scesi al Moderno con scorte blindate. Pertini era simpatico, Ciampi più austero».

E poi le dive dello spettacolo: «Bo Derek, impegnata in uno show alla Base di Aviano, fantastica. E attori di fascino in cartellone al Verdi: Paola Gasmman e suo marito Ugo Pagliai, un uomo davvero interessante».

I capricci? «Si perdona tutto alle star, va da sé. Di solito gli ospiti chiedono stanze con affacci pittoreschi e silenzio assoluto. E’ difficile combinare le due cose. Il povero Abbado aveva questo assillo».

E le mance? «Capitolo chiuso negli anni Ottanta – ridono gli ex ragazzi del Moderno –. Sparite come una meteora, da almeno 30 anni».

Una battuta su tutte? «Quella di Paola Borboni, vedova di un marito-ragazzo: tutti credevano che morissi io...».

Storie incardinate a lato del tessuto della città. «Tra gli intellettuali, il giallista Camilleri batte tutti. Caloroso, simpatico... Personalizzava le dediche sulla copertina dei suoi gialli». Un pittore da ricordare? «Zigaina».

Impeccabili e con infinite conoscenze in fatto di treni, strade da percorrere, fiorai, show, numeri di telefono e muse,

hanno concluso svelando la loro ricettai.

«Bisogna essere sempre attenti ad anticipare i bisogni degli ospiti. Ma ormai l’età dell’oro degli hotel, a Pordenone, è passata con il boom industriale». Ora restano la crisi e un mondo tutto diverso.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro