Quotidiani locali

Divieto di semine Ogm: multe fino a 50 mila euro FOTO | VIDEO

La giunta regionale approva il decreto urgente per bloccare le colture transgeniche. La modifica della legge regionale è stata inviata all’Europa per essere esaminata

UDINE. La modifica della legge regionale del 2011 sull’impiego in agricoltura di Ogm è stata notificata all’Unione europea. E quindi ieri, come da tabella di marcia, la giunta ha potuto approvare il divieto temporaneo e urgente di semine geneticamente modificate in tutta la regione.

Con sanzioni che vanno da 5 mila a 50 mila euro, erogate dal Corpo forestale regionale. Moratoria che passerà martedì in Commissione e mercoledì al voto del Consiglio per diventare operativa. Diventa realtà la proposta del vice presidente Fvg, e assessore all’Agricoltura, Sergio Bolzonello di rendere il Fvg “Ogm free”. Una scelta dettata dalle caratteristiche territoriali del Fvg, ma anche dai possibili effetti negativi che il mais transgenico potrebbe avere sul mercato regionale.

Soddisfatta la Coldiretti, mentre è pronto a dare battaglia Giorgio Fidenato, l’agricoltore che ha infranto il tabù delle semine Ogm in provincia di Pordenone, che ha già sfidato la giunta di Debora Serracchiani a portare avanti il provvedimento.

«La normativa proposta – commenta Bolzonello – è tesa a evitare possibili perdite di reddito per i produttori di mais convenzionale e biologico alla luce delle ragioni tecnico-economiche che fondano tale esclusione. Inoltre fa in modo che eventuali nuove pronunce della Commissione europea, o gli esiti del ricorso davanti al Tar, non comportino il venir meno del divieto posto dal decreto del ministro della Salute del 12 luglio 2013 e estende l’esclusione a eventuali mais Ogm autorizzati, oltre al Mon810».

La moratoria durerà al massimo un anno, il tempo – è la prospettiva – che l’Unione europea esamini la modifica che vieta le semina Ogm della legge regionale del 2011 e risponda, via ministero dello Sviluppo economico, anche chiedendo integrazioni o ritocchi. Un iter che in un anno dovrebbe completarsi.

«Ora la Regione approvi il divieto prima della sentenza del Tar sulle semine Ogm, prevista per il 9 aprile. Non possiamo permettere – dicono dalla Coldiretti – che si ripetano fatti come quelli della primavera 2013 con la messa a coltura di sementi Ogm che hanno compromesso l’equilibrio

ambientale del territorio circostante».

Bolzonello non arretra rispetto alle intenzioni di Fidenato. «Ognuno è libero di fare ciò che crede, non posso impedire a nessuno di infrangere la legge. Chi lo farà ne risponderà», conclude Bolzonello.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.