Menu

La voce di ’Sef mulinar nei racconti del buonsenso

A Nimis la raccolta della Filologica a cura di Stefano Tomadini. Interverrà pre Rizieri De Tina

Questo mercoledí, alle 20.30, nella sala parrocchiale del teatro di Nimis si terrà la presentazione del libro Contis di ’Sef mulinâr, edito dalla Società Filologica Friulana. Il volume è a cura di Stefano Morandini. Presenterà il professor Gian Paolo Gri. È previsto un intervento di pre Rizieri De Tina.

La ricca serie delle pubblicazioni friulane di narrativa di tradizione orale trova dunque una nuova e attuale dimensione. Il volume raccoglie anche le registrazioni radiofoniche dei racconti di Sef Mulinâr (all’anagrafe Giuseppe Piccini, detto appunto mulinâr), trasmesse di negli anni subito dopo il terremoto del ’76 dall’emittente locale Radio Effe.

L’opera è il XXII titolo della collana Racconti Popolari Friulani, che riprende le proprie pubblicazioni dopo alcuni anni proponendo una rinnovata veste grafica, arricchita dalle illustrazioni di Maurizio Faleschini. Altra importante novità della collana è costituita dal cd allegato al libro, con le registrazioni della voce e dei racconti di ‘Sef.

Un nuovo vigore dunque per questa gloriosa collana avviata nel 1968 con l’edizione dei testi di tradizione orale per la zona di Buja curati di Andreina Nicoloso Ciceri. Negli anni seguenti la collana ha continuato ad arricchirsi di numerosi nuovi volumi, imponendosi quale punto di riferimento per gli studi in questo settore, grazie alla dedizione e al lavoro di molti altri ricercatori; tra questi Elvia e Renato Appi, che insieme soprattutto a Umberto Sanson, hanno compilato diversi compendi relativi a località del Friuli occidentale.

Molti dei 70 racconti che compongono la raccolta sono permeati della profonda religiosità di ‘Sef: alcuni trovano spunto dalla tradizione cristiana, altri sono di ispirazione popolare. In particolare in questi ultimi, i protagonisti sono sempre persone normali, con una caratteristica comune: un’immensa fede che si manifesta nei racconti; oltre alla fede, sono valori portanti anche la bontà e l’onestà. Protagonisti dei racconti sono anche le persone di Nimis, menzionati piú o meno esplicitamente, ma pur sempre identificabili.

Come ricorda pre De Tina – autore delle registrazioni assieme a pre Luigi Gloazzo – ‘Sef «era un personaggio particolare, una persona fuori dal comune. Viveva la spiritualità in modo molto semplice, ma al tempo stesso con una profondità che molti uomini di

fede faticano ad avere». Questi racconti sono frutto di una ricchissima tradizione orale, che descrivono una realtà di confine, un’area di contatto linguistico quale è quella di Nimis, dove la lingua friulana è contaminata dai dialetti sloveni, e della quale abbiamo pochissime testimonianze.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro