Quotidiani locali

Vai alla pagina su Lavoro

Generazione perduta, Fabio: "Inoccupato cronico, dipendo ancora da mia madre"

Fabio ha trent'anni e non riesce a trovare lavoro. Dopo anni di studio, tra laurea, master e corsi di formazione, continua a inviare il curriculum alle aziende. Da loro nessuna risposta

Sono Fabio, ovviamente il mio è un nome di fantasia, sono un trentenne, uno della generazione perduta.

Laurea magistrale conseguita nei termini e a pieni voti, master post-lauream, ottima conoscenza di sei lingue e… sono costretto ancora a dipendere economicamente da mia madre. Anch’io, come Michele , ho avvertito spesso quel senso di emarginazione che si prova a interagire in un contesto sociale in cui la propria cultura, i propri ideali, i propri valori sembrano obsoleti e inutili.

L'addio di Michele prima di togliersi la vita: "Io, precario, appartengo a una generazione perduta" Michele aveva 30 anni quando ha deciso di togliersi la vita. Ad ucciderlo, secondo i suoi genitori, è stato il precariato. E per questo motivo che i suoi genitori hanno voluto pubblicare lo scritto, perché questa denuncia non cada nel vuoto (Video a cura di Daniela Larocca)- L'ARTICOLO

Anch’io, come lui, ho provato la frustrazione che deriva dal contrasto ossimorico fra le speranze maturate durante il percorso formativo e la realtà cruda che caratterizza il mondo del lavoro.

Anch’io, come lui, sono uscito deluso dall’ennesimo colloquio di lavoro condotto da personale forse non molto competente, di certo scarsamente motivato, basato su formule standardizzate e ripetitive, concluso con il solito: “Le faremo sapere”.

GENERAZIONE PERDUTA: LE VOSTRE STORIE

Anch’io, come lui, ho sentito, più e più volte, l’impulso di andarmene, di liberare il mondo, che non sa che cosa farsene di me, della mia presenza. Ho sperato, a suo tempo, che il tanto decantato piano “Garanzia Giovani” mi offrisse la possibilità di maturare quell’esperienza che le aziende esigono, ma sono sprofondato in un caos confuso e contraddittorio: problematico reperire la fascia più idonea alla mia formazione, impossibile inserirmi in un percorso linguistico a livello C1 in Italia o all’estero, nonostante il risultato positivo del test linguistico somministratomi, del tutto impensabile provvedere ad un aggiornamento del piano individuale a causa dell’esaurimento dei fondi.

Odissea lavoro di una laureata, 5 lezioni imparate Francesca, 27 anni di Pordenone, ha raccontato al Messaggero Veneto le sue vicissitudini lavorative e quello che le ha insegnato l'esperienza Leggi Generazione perduta, Francesca: "Cercate un lavoro? Ecco cosa non dovete dire"

ATTESA, ATTESA E ANCORA ATTESA

La conclusione, dopo il tempo e il denaro sprecati, è che sto ancora attendendo, sono oramai tre anni, quella convocazione che certamente non arriverà più. Ho inviato migliaia di curriculum, debitamente corredati da lettere di presentazione, a migliaia di imprese, aziende, ditte, senza ricevere riscontro alcuno.

leggi anche:

precario

Generazione perduta, raccontate la vostra storia al Messaggero Veneto

Sono tanti i ragazzi in Friuli, e in Italia, che non riescono a trovare un lavoro. I genitori di Michele, il giovane che si è tolto la vita perché stanco di essere precario, hanno pubblicato la lettera del figlio per denunciare una situazione ormai insostenibile. Il Messaggero Veneto si impegna a pubblicare (anche in forma anonima) la vostra storia

Ho risposto a migliaia di offerte di lavoro proposte dalle varie agenzie di somministrazione pubbliche e private e mi sono visto scartare non per mancanza dei requisiti, ma perché la mia residenza non coincideva con la sede dell’azienda. Ho cercato di rendermi più appetibile potenziando la mia formazione: ho seguito numerosi corsi, sono stato selezionato per altri, ho seguito un percorso formativo all’estero.

Ora, quando ho l’ardire di presentarmi alle agenzie di somministrazione del lavoro pubbliche o private, spesso mi sento dire che i troppi titoli acquisiti sono difficilmente spendibili in Italia, meglio tentare all’estero.

In conclusione: o emigrare o rassegnarsi allo status di inoccupato… cronico.

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare