Quotidiani locali

tarvisio

Paga 500 euro per un’auto: era una truffa

Lo sfortunato acquirente non ha trovato nessuno al momento della consegna della vettura. Denunciato un cinquantenne piemontese

TARVISIO. I carabinieri della stazione di Tarvisio, al termine di un’indagine scattata in seguito a una denuncia presentata da un cittadino residente a Cave del Predil, hanno denunciato per truffa un 52enne piemontese.

L’uomo, rendendosi irreperibile, non ha consegnato una vettura dopo aver ricevuto dall’acquirente l’accredito di 500 euro in acconto per la vendita. Ad attrarre la vittima era stato un annuncio web sul sito Auto Scout 24, con il quale il torinese, metteva in vendita per 4 mila euro una Mitsusbishi L 200, usata, richiedendo una caparra di 500 euro, somma versata su un conto bancario segnalato con codice Iban. Ciò a fine marzo.

Ma un paio di giorni dopo il piemontese – come spiega il comandante della compagnia di Tarvisio, Robert Irlandese – con contatto telefonico, segnalava gravi problemi familiari e richiedeva un ulteriore versamento di 500 euro. Nel frattempo, proseguivano i contatti telefonici fra le due parti che concordavano l’incontro per il pomeriggio a Cividale e all’insistenza del venditore che si lamentava del secondo mancato versamento, il cavese rispondeva

che l’aveva sospeso in quanto avrebbe portato con sè i 500 euro pattuiti.

Ma all’appuntamento la brutta sorpresa per l’acquirente tarvisiano: non c’era nessuno ad aspettarlo, tanto meno la desiderata auto. Si è quindi rivolto ai carabinieri che hanno denunciato il torinese.

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro