Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Liceo scientifico quanto mi piaci

È la scuola preferita da chi si iscrive al primo anno delle superiori

Tra Udine e provincia è boom dei licei scientifici. I dati sulle iscrizioni alle prime classi degli istituti superiori per il prossimo anno scolastico (forniti dal Miur) certificano la passione dei ragazzi friulani per i numeri. Una passione che però deve fare i conti con gli spazi fisici delle scuole cittadine, in particolare Marinelli e Copernico, che hanno dovuto istituire il numero chiuso lasciando fuori decine di studenti.

Un ragazzino su tre in città ha scelto lo scientifico, per la pre ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Tra Udine e provincia è boom dei licei scientifici. I dati sulle iscrizioni alle prime classi degli istituti superiori per il prossimo anno scolastico (forniti dal Miur) certificano la passione dei ragazzi friulani per i numeri. Una passione che però deve fare i conti con gli spazi fisici delle scuole cittadine, in particolare Marinelli e Copernico, che hanno dovuto istituire il numero chiuso lasciando fuori decine di studenti.

Un ragazzino su tre in città ha scelto lo scientifico, per la precisione il 30,2 per cento. Il 23,4 ha optato per il corso tradizionale e il 6,8 per l’opzione Scienze applicate. Il liceo delle Scienze umane e l’artistico scalzano il classico dal secondo gradino del podio con il 7,4 per cento delle iscrizioni ciascuno, contro il 5,7 del ginnasio. Seguono il linguistico con il 3,1, il liceo europeo con il 2,5 e musicali e coreutici con l’1,4. Complessivamente i corsi liceali raccolgono il 57,8 per cento delle preferenze. Ottima prestazione anche per gli istituti tecnici, scelti da un giovane su tre esattamente come il corso scientifico. Un trend che si conferma in regione da diverso tempo. Chiudono la classifica i professionali con l’8,1 per cento delle scelte da parte dei futuri “primini”: questo corso sta vivendo una leggera fase di rallentamento dopo i fasti degli scorsi anni.

Guardando alla provincia, i licei perdono iscrizioni a favore dei tecnici che raggiungono il 36,2 per cento, contro il 52,3 totale dei corsi liceali. In ogni caso più di uno studente su due si indirizza verso tale curricolo, suddiviso fra il 28,7 dei corsi scientifici, il 7,3 del liceo delle scienze umane, il 4,8 dei linguistici, il 4,6 degli artistici, il 4,3 del classico, l’1,6 dell’europeo e lo 0,9 di musicali e coreutici. Salgono anche i professionali all’11,5 per cento.

Trend sostanzialmente confermato anche a livello regionale. In Friuli Venezia Giulia il 51,4 per cento degli studenti in uscita dalle scuole medie ha scelto un liceo. Dato in crescita rispetto allo scorso anno, quando la percentuale si fermava al 50 per cento. I più gettonati sono i corsi scientifici, con il 24,9 per cento. Il classico non riesce a uscire dalla propria crisi, con appena il 4,1 per cento di preferenze (addirittura il 3 per cento in provincia di Pordenone). Il liceo delle scienze umane rastrella l’8,5 per cento delle preferenze, lo 0,6 per musicali e coreutici (nessun iscritto dalle province di Pordenone e Gorizia), l’artistico centra il 4,2, mentre l’europeo e l’internazionale lo 0,7. I tecnici sono stabili al 37,7 per cento, esattamente come lo scorso anno, e in provincia di Gorizia si registra il boom di favori, con il 43,9. Professionali in calo: dal 12,12 per cento del 2017/2018 scendono al 10,9, guida la classifica ancora una volta l’Isontino con il 12,7, seguita dalle province di Pordenone e Udine appaiate all’11,5 e Trieste al 7,6.

Gli iscritti in Italia. Il 55,3 per cento dei giovani che a settembre andrà in prima nella scuola secondaria di secondo grado ha optato per un indirizzo liceale che si conferma quello preferito dalle ragazze. Il 30,7 per cento ha scelto un istituto tecnico, con una leggera crescita rispetto a un anno fa. Lieve calo per i professionali, con il 14 per cento delle preferenze. La passione friulana per i numeri è confermata anche dalla pioggia di iscrizioni arrivate al recente stage della Mathesis di Udine in vista delle Olimpiadi della matematica. «Siamo abituati a superare sempre nuovi record – ha premesso il presidente della sezione udinese della Mathesis, Salvatore Damantino –, ma il risultato di quest’anno è davvero eclatante. Lo stage di preparazione alle gare di matematica per le scuole superiori, giunto alla sua tredicesima edizione, nel 2018 ha frantumato tutti i primati precedenti: il numero più alto di studenti ospitati, il numero più alto di scuole presenti, il numero di corsi attivati». Hanno infatti partecipato 240 studenti provenienti da 17 istituti superiori di tutta la provincia di Udine, da Tarvisio a Latisana, da Tolmezzo a Cervignano. E sono stati proposti agli studenti quest’anno cinque corsi paralleli, contro i quattro dell’anno passato. Lo stage, che si è svolto all’Istituto Malignani, è durato due giorni. Gli esperti formatori hanno tenuto lezioni su tutti i più importanti argomenti di interesse “olimpico”: sono intervenuti, oltre ai docenti della Mathesis di Udine, studenti dell’università di Udine e della Scuola Superiore universitaria di Udine, che hanno intrattenuto gli studenti con teoria ed esercizi tratti da gare nazionali e internazionali.

©RIPRODUZIONE RISERVATA