Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

“Tappe di un calvario” a Visco: mostra e una sfida per le scuole

Da sabato al Museo sul Confine in esposizione le opere realizzate da Marcello Tomadini C’è anche un concorso per le medie di Aiello, Perteole e Palmanova: ecco come partecipare

Marcello Tomadini, classe 1893, è stato un noto miniaturista friulano. Nel 1943 venne imprigionato a Pola e condotto nel campo di sterminio di Sandbostel. Qui disegnò fedelmente scene di vita nei lager: 29 disegni del “fotografo dei lager” saranno esposti da sabato prossimo al Museo sul Confine a Visco nella mostra “Tappe di un calvario”.

«All’inaugurazione della mostra saranno presenti – racconta l’assessore di Visco, Mauro Ongaro, ideatore e promotore dell’iniziativa – il presidente del con ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Marcello Tomadini, classe 1893, è stato un noto miniaturista friulano. Nel 1943 venne imprigionato a Pola e condotto nel campo di sterminio di Sandbostel. Qui disegnò fedelmente scene di vita nei lager: 29 disegni del “fotografo dei lager” saranno esposti da sabato prossimo al Museo sul Confine a Visco nella mostra “Tappe di un calvario”.

«All’inaugurazione della mostra saranno presenti – racconta l’assessore di Visco, Mauro Ongaro, ideatore e promotore dell’iniziativa – il presidente del consiglio regionale Franco Iacop, Bruno Fabretti, deportato italiano che ha vissuto l'esperienza dei lager nazisti e che ci racconterà la sua drammatica storia, la senatrice Tatiana Rojc e il professore Fulvio Salimbeni che ci accompagneranno nel passaggio tra il passato e il presente, con un pensiero al futuro. Il coinvolgimento sarà ancora più totale con l’accompagnamento degli interventi musicali affidati alla direzione artistica di Giuseppe Tirelli».

«La mostra - prosegue Ongaro – diventerà una fiaccola del ricordo in quanto sarà esposta e avrà una sua vita anche negli spazi espositivi del Consiglio regionale, nel comune di Gonars, nel centro culturale Kulturni Dom, all'accademia di Belle Arti di Udine Tiepolo. La mostra è un’occasione propizia per un approccio con gli studenti e i giovani che rappresentano il nostro futuro».

Allo scopo di far riflettere su queste tematiche, il comune di Visco in collaborazione con il Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia, la Fondazione Friuli, la Redazione Scuola del Messaggero Veneto e il sostegno del Palmanova Outlet Village, ha organizzato il Concorso Scuole 2018, aperto alle secondarie di primo grado di Aiello del Friuli, Perteole e Palmanova.

Gli alunni potranno partecipare redigendo un articolo di una cartella (2.000 battute), o una poesia di una cartella (500 battute). Il tema da sviluppare è suggerito dalla frase “tappe di un calvario”. Le scuole dovranno compilare la scheda di adesione inviandola all’indirizzo email segreteria@comune.visco.ud.it specificando nell’oggetto “Adesione al Concorso Scuole” o tramite lettera (farà fede la data del timbro postale) all’indirizzo Comune di Visco - via Montello, 22 – 33040 Visco (UD), consegna a mano all’ufficio protocollo del Comune. Il bando e la scheda di iscrizione sono disponibili sul sito www.comune.visco.ud.it. Gli elaborati dovranno essere consegnati entro venerdì 27 aprile.

Per ogni complesso scolastico saranno premiati i primi tre migliori lavori. Al primo classificato sarà corrisposto un premio del valore di 100 euro in gift card “Land of fashion”, al secondo classificato di 60 euro e al terzo classificato di 40 euro, per un totale di 200 euro di montepremi per scuola partecipante.

I migliori elaborati di ogni classe, selezionati dagli insegnanti di storia, entreranno a far parte di un'antologia pubblicata dal Consiglio Regionale del Fvg e data in omaggio alle scuole e alle biblioteche dei comuni partecipanti. La premiazione si terrà sabato 19 maggio alle 10.30 al Museo sul Confine di Visco.

A valutare gli elaborati la giuria composta da Oscar d’agostino, giornalista del Messaggero Veneto; Gabriella Scrufari, giornalista e coordinatrice della redazione Messaggero Veneto Scuola; Elisa Michellut e Monica Del Mondo, giornaliste del Messaggero Veneto; Domenico Casagrande, direttore del Palmanova Outlet Village; e Giada Marangone, Marketing manager del Palmanova Outlet Village. Per informazioni assessore@comune.visco.ud.it.

La mostra è ospitata al Museo sul confine, realizzato nell’ex dogana austriaca. «Costruito sul confine del 1866 tra il Regno d’Italia e l’Impero asburgico – spiega l’assessore Ongaro – l’edificio (1874) funzionò da Dogana austriaca fino all'inizio del Primo conflitto mondiale(1915); successivamente divenne sede di uffici sanitari del vicino grande ospedale della Croce Rossa Italiana per feriti e colerosi militari e civili, edificato nelle vicinanze prima su tende poi su baracche in legno su basi in cemento». Nel dopoguerra le strutture dell’ospedale, ulteriormente ampliate nell'area di Borgo Piave, ospitarono una caserma, un magazzino d'artiglieria e una fabbrica di proiettili e filo spinato. Nella Seconda guerra mondiale, dopo l'invasione italiana della Jugoslavia(1941), l’area divenne un campo di internamento per civili iugoslavi da febbraio a settembre 1943. Terminata la guerra l'edificio divenne sede di uffici e alloggi militari della caserma Luigi Sbaiz, in essere fino al 1996. Di proprietà del Comune di Visco dal 2001, l’edificio è stato restaurato dopo anni d’abbandono grazie alla Regione.