Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Cultura, serata in sala consiliare Domani taglio del nastro a Biacis

PULFERO. Stasera alle 20, nella sala consiliare di Pulfero, saranno presentati la prima antologia di nedisko (che raccoglie gli scritti di 12 autori e numerosi racconti della tradizione popolare) e...

PULFERO. Stasera alle 20, nella sala consiliare di Pulfero, saranno presentati la prima antologia di nedisko (che raccoglie gli scritti di 12 autori e numerosi racconti della tradizione popolare) e il cd “Naša nediška šuola”, interessante tentativo di armonizzare il canto popolare con la musica moderna.

L’operazione, che ha coinvolto anche i bambini della scuola dell’infanzia dell’istituto Dante Alighieri di San Pietro al Natisone, è stata promossa dalle amministrazioni di Drenchia, Grimacco, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PULFERO. Stasera alle 20, nella sala consiliare di Pulfero, saranno presentati la prima antologia di nedisko (che raccoglie gli scritti di 12 autori e numerosi racconti della tradizione popolare) e il cd “Naša nediška šuola”, interessante tentativo di armonizzare il canto popolare con la musica moderna.

L’operazione, che ha coinvolto anche i bambini della scuola dell’infanzia dell’istituto Dante Alighieri di San Pietro al Natisone, è stata promossa dalle amministrazioni di Drenchia, Grimacco, Pulfero, San Leonardo e San Pietro al Natisone, che si sono avvalse di un finanziamento regionale e del supporto logistico dell’istituto Slavia viva e del circolo culturale Jacopo Stellini.

Domani, invece (alle 16), nel borgo di Biacis sarà inaugurata la nuova struttura in cui è stata collocata l’antica lastra della Banca di Antro, una delle testimonianze per eccellenza del periodo storico in cui le Valli del Natisone erano denominate Schiavonia veneta sopra Cividale. La pietra simboleggia l’autogoverno della comunità locale nei secoli del dominio del Patriarcato di Aquileia e poi della Repubblica di Venezia.

È stata posizionata nelle immediate vicinanze del luogo in cui ha giaciuto a lungo prima di essere spostata, nel 1984, e fissata sul pavimento del pronao della chiesetta di San Giacomo e Sant’Anna, sopra l’abitato di Biacis. L’amministrazione del sindaco Camillo Melissa ha deciso di riportarla nel centro del paese: per valorizzarla adeguatamente ha fatto costruire una copertura in pietra e legno, realizzata anche grazie al supporto della Fondazione Friuli.

La cerimonia inaugurale, che si inserisce nel cartellone della manifestazione “Pulfero incanta”, sarà seguita dal vernissage della mostra “Una terra da scoprire” nella vicina casa medievale Raccaro. (l.a.)