Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ecco come nasce il giornale-comunità

L’appuntamento “Il caffè con il Direttore” a Udine. I lettori NoiMv scoprono i segreti del quotidiano

UDINE. «La luna ha i colori». Recita così la copertina del Messaggero Veneto del 29 luglio 1969, una prima pagina passata alla storia per aver “lanciato” i lettori nello spazio con una semplice immagine in quadricromia. Sono passati quasi cinquantanni da quel giorno e i colori si sono fatti cristalli liquidi sicuramente più vivaci, ma quella copertina emoziona ancora.

Se la sono passata di mano in mano i lettori arrivati in redazione, in viale Palmanova a Udine, per il “Caffè con il Direttore ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

UDINE. «La luna ha i colori». Recita così la copertina del Messaggero Veneto del 29 luglio 1969, una prima pagina passata alla storia per aver “lanciato” i lettori nello spazio con una semplice immagine in quadricromia. Sono passati quasi cinquantanni da quel giorno e i colori si sono fatti cristalli liquidi sicuramente più vivaci, ma quella copertina emoziona ancora.

Se la sono passata di mano in mano i lettori arrivati in redazione, in viale Palmanova a Udine, per il “Caffè con il Direttore”, l’iniziativa promossa dal quotidiano per dare la possibilità di seguire da vicino la preparazione del giornale. Tutti, o quasi, alla prima esperienza diretta con termini come menabò, timone, titoli di apertura o di taglio. Per l’occasione ai nostri lettori abbiamo offerto un dolcetto confezionato dalla pasticceria pordenonese Peratoner e una tazzina di caffè offerta da Oro Caffè.



Ma prima di vedere come arriva il giornale in edicola, il direttore Omar Monestier, insieme ad alcuni giornalisti dei diversi settori (regione, provincia e cronaca) ha ripercorso le tappe del nostro giornale, dall’anno di fondazione all’avvento del digitale. Incuriositi, alcuni lettori hanno voluto saperne di più sul lavoro della redazione: come funziona la cronaca nera, i contatti con i nostri corrispondenti dal territorio, la scelta dei titoli in prima pagina e come un retroscena politico diventa un approfondimento.

«Bisogna immaginare il giornale come un puzzle fatto da tanti pezzi. La mattina è una cornice bianca che si colora durante la giornata - ha spiegato il direttore Monestier -. Il nostro compito è quello di non far mancare al lettore nessun pezzo. La nostra missione è dare il quadro completo».

Infine, un piccolo giro nella redazione “provvisoria”: a maggio si concluderanno i lavori e per celebrare i nuovi spazi abbiamo in mente un’inaugurazione (l’8 maggio) entusiasmante e una settimana piena di impegni, visite guidate per le scuole e show cooking con chef stellati (dal 14 al 19 maggio).

©RIPRODUZIONE RISERVATA