Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sbatte con la moto contro il cordolo e cade: è gravissimo

L’incidente lungo la strada che porta a San Leonardo Trentaseienne di Corno di Rosazzo in terapia intensiva

GRIMACCO

Un gravissimo incidente motociclistico si è verificato, nella serata di domenica, lungo la strada che collega la municipalità di Grimacco, nelle Valli del Natisone, a quella di San Leonardo.

Un centauro di 36 anni, Aljoša Cantarutti, residente in Comune di Corno di Rosazzo, stava scendendo proprio dalle alture di Grimacco, dirigendosi verso l’abitato di San Leonardo, in fondovalle, quando per ragioni sconosciute – mentre attraversava un borgo – ha perso il controllo del proprio mez ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

GRIMACCO

Un gravissimo incidente motociclistico si è verificato, nella serata di domenica, lungo la strada che collega la municipalità di Grimacco, nelle Valli del Natisone, a quella di San Leonardo.

Un centauro di 36 anni, Aljoša Cantarutti, residente in Comune di Corno di Rosazzo, stava scendendo proprio dalle alture di Grimacco, dirigendosi verso l’abitato di San Leonardo, in fondovalle, quando per ragioni sconosciute – mentre attraversava un borgo – ha perso il controllo del proprio mezzo ed è finito con la ruota anteriore contro un cordolo che si sviluppa lungo il tracciato.

L’urto, potente, non ha permesso all’uomo di mantenersi in sella e di riportare la motocicletta sulla carreggiata: sbalzato in aria, Cantarutti si è schiantato al suolo, sbattendo con violenza il capo.

La caduta gli ha procurato un grave trauma cranico, facendogli perdere conoscenza.

Erano da poco passate le 20: i soccorsi non hanno tardato – l’ambulanza è sopraggiunta nell’arco di alcuni minuti –, ma le condizioni del trentaseienne sono subito apparse critiche.

L’uomo è stato trasportato d’urgenza, in codice rosso, all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine e ricoverato nel reparto di terapia intensiva. La prognosi è riservata, ma lo stato di salute del motociclista – che avrebbe subito anche la frattura di una vertebra – desta, come detto, serie preoccupazioni.

In contemporanea agli operatori sanitari è sopraggiunta sul luogo dell’incidente una pattuglia dei carabinieri della stazione di San Pietro al Natisone, facente capo alla Compagnia di Cividale, al comando del maggiore Gabriele Passarotto.

Gli uomini dell’Arma si sono occupati della ricostruzione della dinamica del sinistro, che peraltro risulta abbastanza chiara.

Per quanto, infatti, si possa soltanto ipotizzare le ragioni che hanno provocato la sbandata del motociclista, non ci sono dubbi sul drammatico seguito, consistito appunto nell’urto con il muretto, che ha a sua volta determinato la terribile caduta del trentaseienne di Corno di Rosazzo sull’asfalto. —