Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mancano medici di base, l’Aas3 si mobilita per coprire 38 comuni

Il direttore sanitario:  individuate otto aree carenti l’impegno dell’azienda  è di collaborare con i Comuni per ridurre al massimo i disagi

gemona

AAA medici cercansi. L’emergenza è scattata in 38 comuni che ricadono nei territori dell’Azienda per l’assistenza sanitaria 3 dell’Alto Friuli, Collinare, Medio Friuli.

È dei giorni scorsi la determinazione con la quale il Centro risorsa ha individuato otto zone carenti e le ha segnalate alla Regione cui spetta il compito di recuperare i professionisti per ricoprire gli incarichi che sono già rimasti vacanti o che lo diventeranno a breve. Due quelli da individuare per l’ambito terri ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

gemona

AAA medici cercansi. L’emergenza è scattata in 38 comuni che ricadono nei territori dell’Azienda per l’assistenza sanitaria 3 dell’Alto Friuli, Collinare, Medio Friuli.

È dei giorni scorsi la determinazione con la quale il Centro risorsa ha individuato otto zone carenti e le ha segnalate alla Regione cui spetta il compito di recuperare i professionisti per ricoprire gli incarichi che sono già rimasti vacanti o che lo diventeranno a breve. Due quelli da individuare per l’ambito territoriale che comprende i comuni di Gemona, Artegna e Montenars dove già manca un medico e, a partire dal primo agosto, ne mancherà un altro in seguito alla cessazione del rapporto convenzionale. Tre i posti carenti (di cui due determinati da cessazione a partire da agosto) nell’ambito territoriale che comprende i comuni di Basiliano, Bertiolo, Camino al Tagliamento, Castions di Strada, Codroipo, Mortegliano, Varmo, Lestizza, Talmassons, Mereto di Tomba e Sedegliano.

Ulteriori tre posti carenti sono stati censiti nell’ambito territoriale che comprende i comuni di Sappada, Paluzza, Treppo Ligosullo, Cercivento, Sutrio, Paularo, Arta Terme, Zuglio, Ravascletto, Rigolato, Forni Avoltri, Comeglians, Prato Carnico, Ovaro, Lauco, Villa Santina, Raveo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Ampezzo, Socchieve, Sauris, Enemonzo e Preone a seguito delle cessazione dal rapporto convenzionale di medicina convenzionale di tre medici di cui due dal primo giugno e uno dal primo agosto.

L’obiettivo aziendale è quello di ridurre i disagi all’utenza, per questo le zone carenti sono state già trasmesse agli uffici regionali che, dopo aver disposto eventuali trasferimenti, provvederanno a predisporre i bandi.

«I tempi e i modi delle sostituzioni dei medici di medicina generale rispondono a regole contrattuali nazionali e regionali a cui l’azienda deve attenersi – spiega Laura Regattin, direttore sanitario dell’Aas3 Alto Friuli Collinare Medio Friuli –. Le regole nazionali vigenti (Accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale) prevedono un intervallo di tempo fra la cessazione di un medico di medicina generale e l’inizio dell’attività del nuovo medico titolare. Durante questo intervallo di tempo, che di norma dura tra i 6 e i 12 mesi, le attività di medicina generale sono assicurate da un medico incaricato provvisorio. Certamente – osserva Regattin – stiamo vivendo un momento di grande ricambio professionale che si scontra con la difficoltà nel reperire figure professionali. L’impegno dell’azienda è quello di lavorare in stretta collaborazione con le amministrazioni comunali e fare in modo che vi sia il minor disagio possibile per la popolazione». —