Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sorprese dal temporale si perdono e non riescono a rientrare, soccorse 9 ragazze

La comitiva, composta da giovani del Belgio, è stata tratta in salvo nella notte, dopo ore di ricerche da parte dei tecnici del Cnsas

TARVISIO. L'acquazzone li ha sorpresi sulla via del ritorno e hanno perso l'orientamento: una disavventura a lieto fine quella che vede protagonisti nove ragazze di nazionalità belga, soccorsi in Val Dogna, nella Alpi Giulie, dagli uomini del Soccorso Alpino.

La richiesta di aiuto è arrivata intorno alle 20.30 di giovedì, 12 luglio: all'operatore della centrale del numero unico di emergenza, il gruppo ha detto di trovarsi vicino a un lago, in Val Dogna. Per velocizzare le operazioni di soccor ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TARVISIO. L'acquazzone li ha sorpresi sulla via del ritorno e hanno perso l'orientamento: una disavventura a lieto fine quella che vede protagonisti nove ragazze di nazionalità belga, soccorsi in Val Dogna, nella Alpi Giulie, dagli uomini del Soccorso Alpino.

La richiesta di aiuto è arrivata intorno alle 20.30 di giovedì, 12 luglio: all'operatore della centrale del numero unico di emergenza, il gruppo ha detto di trovarsi vicino a un lago, in Val Dogna. Per velocizzare le operazioni di soccorso, il capostazione ha deciso di inviare immediatamente il gestore del rifugio al lago, l'unico della zona e vicino al rifugio stesso. Peccato però che, una volta arrivato sul posto, nei pressi del passo Sompodogna, dei ragazzi non vi fosse traccia.

Ricontattati i giovani francesi, con tutte le difficoltà di connessione dovute alla scarsa copertura di rete telefonica, i tecnici del Cnsas sono riusciti a individuare l'esatta posizione del gruppo ovvero il sentiero 640 che porta al Bivacco Cai Cividale a ovest del Cimone e del Montasio, a circa 1250 metri di altitudine.

Per soccorrere la comitiva, si sono messi in moto quattordici tecnici della stazione di Cave del Predil (già in sede a Tarvisio per una riunione), il medico e i tecnici della Sagf. Tramite servizio Sms Locator dalla centrale di Torino e tramite l'individuazione di un altro cellulare, si è riusciti a circoscrivere meglio l'area della ricerca.

Le operazioni di ricerca e soccorso sono durate ore, rallentate dal forte temporale: il tutto si è concluso dopo le tre e mezza di notte. I ragazzi, accompagnati da una tutor, stanno bene e sono stati portati al sicuro nella notte.