Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il negozio di alimentari chiude un mese per ferie L’avviso non convince

ENEMONZO«Si avvisa la clientela che il negozio da sabato 11 agosto al 16 settembre resta chiuso per ferie». È quanto si legge nel cartello affisso sulla porta del negozio di alimentari di Via...

ENEMONZO

«Si avvisa la clientela che il negozio da sabato 11 agosto al 16 settembre resta chiuso per ferie». È quanto si legge nel cartello affisso sulla porta del negozio di alimentari di Via Tagliamento 2 a Enemonzo. E sono in molti a temere che questo sia il preludio di una chiusura definitiva. «Già da qualche mese – inizia l’ex sindaco Paolo Iussa – il negozio chiude nel fine settimana. Una scelta inconcepibile visto che il Comune è classificato Comune turistico». Iussa prosegue spiegando ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ENEMONZO

«Si avvisa la clientela che il negozio da sabato 11 agosto al 16 settembre resta chiuso per ferie». È quanto si legge nel cartello affisso sulla porta del negozio di alimentari di Via Tagliamento 2 a Enemonzo. E sono in molti a temere che questo sia il preludio di una chiusura definitiva. «Già da qualche mese – inizia l’ex sindaco Paolo Iussa – il negozio chiude nel fine settimana. Una scelta inconcepibile visto che il Comune è classificato Comune turistico». Iussa prosegue spiegando che quello è il solo negozio di alimentari del paese. Il negozio, che rimane aperto al momento solo di mattina dalle 8.30 alle 12.30, e al venerdì dalle 8.30 alle 10, si troverebbe in una situazione delicata che non permette di utilizzare altre maestranze per coprire le ore di lavoro. Il negozio era stato acquisito dalla Cic di Villa Santina. «Da maggio – fa sapere Fabiano Venuti della Fim Cisl – è stata chiesta la messa in liquidazione coatta della società, compito che spetta alla Regione. Nel contempo vi è stato un accordo in affitto della società alla cooperativa di produzione, lavoro e servizi Prodes di Fagagna». Nel contempo vi è stato un accordo per l’affitto della società alla cooperativa Prodes di Fagagna». —

G.G.