Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Papà stava tornando a casa per vedere la gara di MotoGp»

Fiori e messaggi sul luogo dell’incidente dove ha perso la vita Dario Furlan Per i carabinieri non ci sono dubbi sulla dinamica. Il funerale venerdì alle 11



“Un triste e caro saluto a Dario”. Già nella prima mattina di ieri sul palo che regge le tabelle di via del Carso e via del San Michele sono stati sistemati dei fiori e una dedica in ricordo di Dario Furlan, il sessantasettenne motociclista goriziano deceduto domenica pomeriggio nella piccola rotonda all’incrocio delle due strade.

Per i carabinieri non ci sono dubbi sulle cause dell’incidente e del decesso, tanto che non è nemmeno stata disposta l’autopsia ed è stato dato il nulla osta alla ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter



“Un triste e caro saluto a Dario”. Già nella prima mattina di ieri sul palo che regge le tabelle di via del Carso e via del San Michele sono stati sistemati dei fiori e una dedica in ricordo di Dario Furlan, il sessantasettenne motociclista goriziano deceduto domenica pomeriggio nella piccola rotonda all’incrocio delle due strade.

Per i carabinieri non ci sono dubbi sulle cause dell’incidente e del decesso, tanto che non è nemmeno stata disposta l’autopsia ed è stato dato il nulla osta alla sepoltura. Il funerale si svolgerà venerdì alle 11 nella chiesa di San’Andrea. Ieri dal Comando dell’Arma di corso Verdi è stata infatti confermata la dinamica iniziale. Secondo la ricostruzione, Dario Furlan procedeva lungo la direttrice Savogna-Gorizia e, nell’immettersi nella rotatoria, ha toccato accidentalmente con la ruota posteriore della Honda Goldwing 1.500 su cui viaggiava il cordolo dello spartitraffico di ingresso. Questo gli ha fatto perdere il controllo della pesante motocicletta e lo ha fatto andare a sbattere contro il muro dell’abitazione della sorella. Nonostante i soccorsi e il tentativo di rianimarlo da parte dei sanitari del 118, l’impatto non gli ha lasciato scampo. L’uomo è morto sul marciapiede, a poche decine di metri dalla sua abitazione.

Autotrasportatore in pensione, Dario Furlan viveva al civico 129 di via del San Michele. Oltre alla compagna, lascia due figli, i nipoti e due cani. E proprio la figlia Genj, conferma la passione a tutto tondo che il padre aveva per le motociclette: «Stava tornando a casa per vedere la gara di MotoGp», ha ricordato la donna. –