Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Piccoli alunni della Montessori al centro anziani di via Cadorna

La prima sezione con 15 scolari sarà attivata a partire da settembre  Intanto parte lo sgombero nel complesso per l’avvio del secondo lotto





Anziani e bambini riuniti in un unico complesso, quasi un ponte fra diverse generazioni. La scuola per l’infanzia montessoriana aprirà i battenti a settembre nel Centro residenziale di via Cadorna, dove i 15 bambini già iscritti per l’anno scolastico 2018-2019 potranno frequentare le lezioni. Ad assicurarlo è il primo cittadino di San Daniele Pietro Valent che annuncia l’avvio dei lavori del secondo lotto e delle operazioni di sgombero dei locali. La scuola verrà realizzata su una superficie ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter





Anziani e bambini riuniti in un unico complesso, quasi un ponte fra diverse generazioni. La scuola per l’infanzia montessoriana aprirà i battenti a settembre nel Centro residenziale di via Cadorna, dove i 15 bambini già iscritti per l’anno scolastico 2018-2019 potranno frequentare le lezioni. Ad assicurarlo è il primo cittadino di San Daniele Pietro Valent che annuncia l’avvio dei lavori del secondo lotto e delle operazioni di sgombero dei locali. La scuola verrà realizzata su una superficie di circa 300 metri quadrati che verranno concessi in comodato gratuito all’associazione “La valigia dei sogni”. Sono già stati allestiti i servizi per i bambini e per il personale, le aule per la didattica e una mensa dove verranno serviti i pasti confezionati all’esterno della struttura.

«Con i primi giorni di settembre avvieremo il cantiere per il secondo lotto di lavori che contiamo di completare entro la metà del 2019 – anticipa il sindaco – nel frattempo, contiamo di partire con il terzo lotto che prevede investimenti per 200 mila euro ed entro la fine del prossimo anno intendiamo mandare in cantiere anche il quarto e ultimo lotto, che prevede ulteriori 400 mila euro di investimenti».

Con la conferma dello stanziamento di 600 mila euro di contributi da parte della Regione l’amministrazione comunale di San Daniele ha deciso di premere l’acceleratore sul programma di investimenti per il Centro di via Cadorna, che nel dicembre 2016 ispirò una raccolta di firme e una consultazione referendaria fra i cittadini, mobilitati di fronte a un progetto di riconversione reagirono nella richiesta di un ripristino della funzione sociale e residenziale per anziani. Definito l’assetto finanziario dell’opera, si sta mettendo a punto anche un cronoprogramma in base al quale l’intervento complessivo dovrebbe essere concluso entro il 2020.

Con il primo lotto sono stati adeguati alcuni appartamenti e sezionati gli impianti. Il secondo lotto – per ulteriori 400 mila euro – sarà avviato a breve e riguarderà principalmente la parte impiantistica, altri sette alloggi verranno restaurati. I lavori sono stati aggiudicati alla Tied Impianti di Coseano per gli impianti termomeccanici, alla Patriarca Impianti di San Daniele per quelli elettrici e all’impresa Di Stefano srl di Carpacco per le opere edili. Il terzo lotto, pari a 200 mila euro, comprende lavori finalizzati all’attivazione dell’albergaggio per anziani autosufficienti e a garantire la fruibilità dei sette alloggi già oggetto del secondo lotto. Sarà dunque necessario acquistare gli arredi delle 23 camere, sistemare le aree esterne ai sette alloggi, riattivare la cucina, realizzare l’impianto di condizionamento, provvedere alle opere di tinteggiatura e alla sostituzione dei serramenti. Con il quarto lotto, da 400 mila euro, saranno infine realizzate opere relative all’efficientamento energetico e alla riduzione dei consumi primari e, se vi sarà il via libera da parte della Direzione centrale della salute, di incrementare il numero di camere destinate all’albergaggio. —