Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Condominio nel mirino dépliant con volgarità nella buca delle lettere

TAVAGNACCO Hanno recuperato le pagine di una raccolta di ricette o di una promozione gastronomica e hanno sostituito il titolo del piatto con volgarità, proponendo il loro sciocco biglietto da visita....

TAVAGNACCO

Hanno recuperato le pagine di una raccolta di ricette o di una promozione gastronomica e hanno sostituito il titolo del piatto con volgarità, proponendo il loro sciocco biglietto da visita. Poi hanno infilato la loro opera nella buca delle lettere di alcuni appartamenti di via Bologna, a Colugna, e se la sono data a gambe. E una donna che ieri mattina ha recuperato la posta dell’anziana madre non ha gradito la sorpresa. «Ho notato questi foglietti nella cassetta della posta di alt ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TAVAGNACCO

Hanno recuperato le pagine di una raccolta di ricette o di una promozione gastronomica e hanno sostituito il titolo del piatto con volgarità, proponendo il loro sciocco biglietto da visita. Poi hanno infilato la loro opera nella buca delle lettere di alcuni appartamenti di via Bologna, a Colugna, e se la sono data a gambe. E una donna che ieri mattina ha recuperato la posta dell’anziana madre non ha gradito la sorpresa. «Ho notato questi foglietti nella cassetta della posta di altri appartamenti del condominio e lungo la strada che porta in piazza – dice –. È stata una ragazzata di pessimo gusto».

I maleducati di turno si sono divertiti a giocare con le parole. Così, la “pizza ai peperoni” è diventato “Sgualdrine ai peperoni”. E simili. «Il problema non è la bravata in sé, ma la volgarità usata – afferma la donna, che abitava a Colugna fino a pochi anni fa –. Questi fatti creano fastidio in una realtà che considero ancora un’isola felice». —

M.T.