Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’ex vicesindaco esce dalla maggioranza «Non c’è più coesione»

POVOLETTOIl vicesindaco Claudio Bertolutti si era già dimesso dall’esecutivo imputando la propria scelta anche a una «grave mancanza di comunicazione ai nostri concittadini sul caso dell’accoglienza...

POVOLETTO

Il vicesindaco Claudio Bertolutti si era già dimesso dall’esecutivo imputando la propria scelta anche a una «grave mancanza di comunicazione ai nostri concittadini sul caso dell’accoglienza di una decina di migranti a Marsure». Nell’ultima seduta consiliare, Bertolutti è uscito anche dalla maggioranza (che ora conta solo 8 voti su 17, tre sono i gruppi “autonomi”), costituendo un nuovo gruppo consiliare, che di volta in volta valuterà se sostenere le proposte della giunta.

Il “Grupp ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

POVOLETTO

Il vicesindaco Claudio Bertolutti si era già dimesso dall’esecutivo imputando la propria scelta anche a una «grave mancanza di comunicazione ai nostri concittadini sul caso dell’accoglienza di una decina di migranti a Marsure». Nell’ultima seduta consiliare, Bertolutti è uscito anche dalla maggioranza (che ora conta solo 8 voti su 17, tre sono i gruppi “autonomi”), costituendo un nuovo gruppo consiliare, che di volta in volta valuterà se sostenere le proposte della giunta.

Il “Gruppo Misto” nasce «con lo scopo – spiega – di esprimere un punto di vista libero dai condizionamenti di parte e, soprattutto, di dare la possibilità ai ragazzi under 40 di portare avanti il progetto denominato “Lista Giovani”. Non mi riconosco più in questa maggioranza – ha aggiunto Bertolutti –. Lo scopo di questa maggioranza era di garantire una buona amministrazione, tutelando gli interessi presenti e futuri dei cittadini, salvaguardando territorio e ambiente, garantendo uno standard qualitativo alto dei servizi senza dover ricorrere a tagli indiscriminati o nuove tassazioni, valorizzando Povoletto dandogli un ruolo significativo. Amministrare – continua – avendo chiara una visione di equilibrio tra le diverse sensibilità presenti in consiglio e promuovendo la partecipazione».

Rispetto a questi presupposti, Bertolutti ha detto di avere «constatato che nel tempo la coesione è andata scemando facendo emergere individualità e appartenenze piuttosto che il gioco di squadra. Questa amministrazione è priva di una sua “autonomia”. Mancano sia la “vision” che la “mission”. È soprattutto mancata l’empatia dell’amministrazione nei confronti di collaboratori e dipendenti, causando la fuoriuscita di alcuni». —