Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Il volo, la cattura: 10 minuti memorabili»

Sedegliano: parla l’imprenditore che a bordo del suo elicottero ha favorito l’arresto di tre malviventi da parte dei carabinieri

SEDEGLIANO

«Poco più di dieci minuti che difficilmente dimenticherò»: a parlare così è l’imprenditore friulano che con l’ausilio del suo elicottero privato ha contribuito assieme ai carabinieri, una trentina, ad arrivare all’arresto, domenica pomeriggio, dei tre malviventi che si nascondevano dal mattino nelle campagne del sedeglianese.

Un’operazione che, come dice l’imprenditore stesso, «alla fine è durata poco più di dieci minuti dal momento in cui sono stati avvistati i tre malviventi fino ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SEDEGLIANO

«Poco più di dieci minuti che difficilmente dimenticherò»: a parlare così è l’imprenditore friulano che con l’ausilio del suo elicottero privato ha contribuito assieme ai carabinieri, una trentina, ad arrivare all’arresto, domenica pomeriggio, dei tre malviventi che si nascondevano dal mattino nelle campagne del sedeglianese.

Un’operazione che, come dice l’imprenditore stesso, «alla fine è durata poco più di dieci minuti dal momento in cui sono stati avvistati i tre malviventi fino al loro fermo. Sorvolando la zona in modo del tutto occasionale mi sono accorto di un gruppo di persone e tanti carabinieri intenti in un quella che sembrava un’esercitazione. Era una zona ampia di campagna coltivata a mais e vigne che si trova vicino al campo sportivo di Rivis. Sorvolandola a bassa quota forse il rumore delle pale ha contribuito a fare ragionare i tre, che vistisi accerchiati sono usciti dai campi e si si sono arresi».

«Dopo aver sorvolato il luogo per dieci minuti e dato il calare della luce – aggiunge – sono rientrato alla base e dai telegiornali ho appreso la notizia dei tre fuggitivi. Situazioni del genere non le ho mai vissute. In passato sono stato contattato nell’Alto Friuli per la ricerca di bestiame, fortunatamente sempre andate a buon fine. Non mi era mai accaduto di imbattermi in una ricerca simile. Il fatto di essere stato utile, anche inconsapevolmente solo con il rumore del mio mezzo leggero, resterà impresso nella mia mente».

L’imprenditore non aggiunge nulla di più, ha ancora negli occhi la scena che ha visto dall’alto del suo mezzo in pochi minuti e spera solo di non imbattersi ancora in situazioni del genere. La popolazione di Sedegliano aveva quindi tirato un sospiro di sollievo alla notizia dell’arresto dei tre individui, risultati di nazionalità romena. Ora c’è di nuovo allarme per un possibile altro terzetto che l’altra notte ha rubato prima un furgone a Rivis e poi una macchina a Gradisca di Sedeglino ed è fuggito lasciando perdere le tracce. Le telecamere del distributore dove è stata rubata la Peugeot hanno registrato le immagini a volto scoperto di tre persone che ora sono al vaglio dei carabinieri. I furti sono stati denunciati ai carabinieri della stazione di Codroipo.

Il maggiore Alberto Granà, che guida la compagnia dei carabinieri di Udine, ha espresso riconoscenza ai cittadini sedeglianesi per la loro collaborazione determinante per il fermo. L’inchiesta è ancora in corso, ma la popolazione di Sedegliano è apparsa sollevata dall’arresto, domenica fra Turrida e Rivis, di tre sospettati di essere gli autori di numerosi colpi messi a segno nel Codroipese e nel Medio Friuli. Se la guardia rimane comunque alta, l’operazione andata a buon fine, domenica, attenua la preoccupazione dei residenti per il susseguirsi di episodi di micro-criminalità. All’individuazione dei malviventi, dunque, hanno contribuito attivamente anche i proprietari del terreno.

Tutto era iniziato la mattina di domenica, quando i carabinieri tra le frazioni di Turrida e di Rivis sono stati impegnati in un inseguimento ad alta velocità di un’Audi A8 (risultata poi rubata a un artigiano di Rivignano) sulla quale viaggiavano i tre individui. A un certo punto la macchina dei fuggitivi, che ha cercato in ogni modo di seminare gli inseguitori, è andata a finire in un fosso, ribaltandosi. I tre si sono dati alla fuga a piedi facendo perdere le loro tracce. Al calare della sera l’epilogo. —