Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Una cerimonia laica per l’addio a Edi Fuart

artegnaSi svolgerà domani, giovedì alle 17 nella casa funeraria Benedetto di Tarcento, la cerimonia laica di saluto a Edi Fuart, il presidente dell’associazione nazionale famiglie di persone con...

artegna

Si svolgerà domani, giovedì alle 17 nella casa funeraria Benedetto di Tarcento, la cerimonia laica di saluto a Edi Fuart, il presidente dell’associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva (Anffas) del Friuli Venezia Giulia. Fuart è mancato domenica sera all’età di 74 anni nella sua casa di Sornico di Artegna: da tempo aveva problemi cardiaci e nell’ultimo periodo le sue condizioni erano peggiorate. Fuart, che era originario di Perteole di Ruda, era molto conosc ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

artegna

Si svolgerà domani, giovedì alle 17 nella casa funeraria Benedetto di Tarcento, la cerimonia laica di saluto a Edi Fuart, il presidente dell’associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva (Anffas) del Friuli Venezia Giulia. Fuart è mancato domenica sera all’età di 74 anni nella sua casa di Sornico di Artegna: da tempo aveva problemi cardiaci e nell’ultimo periodo le sue condizioni erano peggiorate. Fuart, che era originario di Perteole di Ruda, era molto conosciuto in regione per il grande impegno che ha sempre profuso nel mondo del volontariato a favore delle persone portatrici di disabilità: quello che ha concluso con la sua morte era infatti il suo quarto mandato a guida dell’Anffas regionale che già negli anni Ottanta aveva presieduto. Grazie al suo lavoro, è stato possibile realizzare molti progetti a favore delle persone portatrici di disabilità senza dimenticare che ha promosso la nascita del “Coordinamento delle associazioni di disabili” e la relativa “Consulta regionale”, tuttora operativi. —

P.C.