Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Migliora l’illuminazione I consumi energetici ridotti dell’80 per cento

VARMOConsumi energetici dell’illuminazione pubblica ridotti di oltre l’80%. Grande la soddisfazione dell’assessore Mariagrazia Zatti «per un risultato eccezionale ottenuto dal Comune». E parte il...

VARMO

Consumi energetici dell’illuminazione pubblica ridotti di oltre l’80%. Grande la soddisfazione dell’assessore Mariagrazia Zatti «per un risultato eccezionale ottenuto dal Comune». E parte il questionario.

Il tutto emerge dall’analisi dei consumi di energia del territorio nell’ambito della realizzazione del Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes). La sostituzione dei punti luce dalla tecnologia sodio alta pressione a quella a led è terminata nel 2014 e i risultati sono stati defin ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VARMO

Consumi energetici dell’illuminazione pubblica ridotti di oltre l’80%. Grande la soddisfazione dell’assessore Mariagrazia Zatti «per un risultato eccezionale ottenuto dal Comune». E parte il questionario.

Il tutto emerge dall’analisi dei consumi di energia del territorio nell’ambito della realizzazione del Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes). La sostituzione dei punti luce dalla tecnologia sodio alta pressione a quella a led è terminata nel 2014 e i risultati sono stati definiti «impressionanti».

Spiega Zatti: «Il consumo è passato dagli oltre 480 mwh a meno di 100 mwh. Considerando che dal 2014 sono stati aggiunti 76 punti luce (poco meno del 10% del totale), possiamo affermare che Varmo ha ridotto i consumi elettrici per illuminazione pubblica di oltre l’80%. In termini ambientali significa una riduzione delle emissioni di gas climalteranti di circa 170 tonnellate l’anno di CO2 equivalente».

Si spera dunque in un’implementazione. «Il Paes – aggiunge Zatti – sarà approvato entro novembre. Si prefigge per il 2020 di ridurre le emissioni del 20% rispetto al 2010. Le azioni del Paes prese in considerazione sono quelle attuate dal 2010 a oggi e tutte le azioni già previste, come la richiesta di un contributo per la realizzazione dell’impianto di teleriscaldamento per il plesso scolastico e la sua ristrutturazione, l’adeguamento del parco veicoli in dotazione al comune con altri elettrici tramite il progetto regionale Nemo (servizio Neomix)».

Per ulteriori azioni, tutti saranno coinvolti nel Paes. Infatti l’amministrazione, con il supporto dell’associazione EnergoClub, lancierà un questionario esplorativo sia per famiglie, sia per aziende. —

M.A.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI