Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Casa delle associazioni Iacumin: «I costi non aumenteranno»

Manzano «L’operazione che stiamo conducendo con Banca Ter per l’utilizzo di villa Tavagnacco rappresenta un grande risultato per la nostra amministrazione». Cosí il sindaco Mauro Iacumin commenta l’a...

Manzano

«L’operazione che stiamo conducendo con Banca Ter per l’utilizzo di villa Tavagnacco rappresenta un grande risultato per la nostra amministrazione». Cosí il sindaco Mauro Iacumin commenta l’accordo raggiunto con l’istituto di credito che consentirá di trasformare l’ex sede direzionale della banca nella nuova casa delle associazioni. «La villa - spiega - è dotata di uno splendido giardino completamente recintato che permetterà ai giovani che frequentano la Ludoteca di giocare e fare ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Manzano

«L’operazione che stiamo conducendo con Banca Ter per l’utilizzo di villa Tavagnacco rappresenta un grande risultato per la nostra amministrazione». Cosí il sindaco Mauro Iacumin commenta l’accordo raggiunto con l’istituto di credito che consentirá di trasformare l’ex sede direzionale della banca nella nuova casa delle associazioni. «La villa - spiega - è dotata di uno splendido giardino completamente recintato che permetterà ai giovani che frequentano la Ludoteca di giocare e fare attività in tutta sicurezza e con un collegamento diretto alla piazza Chiodi per un ampliamento dell’area da utilizzare, senza interessare strade con un traffico rilevante». Con il trasferimento delle associazioni si completerá anche la dismissione dell’ex sede municipale che presenta gravi problematiche strutturali che avevano già indotto l’amministrazione a spostare nel 2014 la biblioteca nell’attuale municipio.

Iacumin rimanda poi al mittente le accuse della minoranza relative all’aumento dei costi per le casse comunali causati dalla stipula del contratto. «É completamente errato e fuorviante - replica - perché, se è vero che le nuove forniture di energia elettrica, acqua, riscaldamento, climatizzazione e i servizi di pulizia saranno a carico del Comune, è altrettanto vero che saranno dismesse quelle relative al palazzo dell’ex-municipio pareggiando quindi il conto, se non addirittura diminuendolo, e potendo utilizzare un fabbricato dotato di impianti più moderni e di un isolamento termico migliore».

«L’amministrazione - conclude - non ha l’interesse di utilizzare la villa per inserire uffici comunali. Gli spazi all’interno della sede municipale sono congrui con le esigenze, anche considerando la riorganizzazione e riduzione del personale effettuata. In questi anni ci siamo occupati anche dei magazzini comunali, liberando spazi e riorganizzando la conservazione dei documenti ricavando spazi per circa il 30%. Quindi non vi è nessuna ‘beffa’ ma un utilizzo oculato delle finanze pubbliche». —