Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il campo di calcio “arato” da decine di corvi L’erba è solo un ricordo

forni di sopraAltro che biliardo verde. Il campo di calcio di Forni di Sopra sembra piuttosto un gruviera da qualche giorno a questa parte e la colpa, stavolta, non è di cinghiali o tassi: i...

forni di sopra

Altro che biliardo verde. Il campo di calcio di Forni di Sopra sembra piuttosto un gruviera da qualche giorno a questa parte e la colpa, stavolta, non è di cinghiali o tassi: i responsabili sono i corvi. Decine e decine di corvi.

Ospiti indesiderati che soggiornano tutto il giorno sull’erba del rettangolo di gioco (nella foto), a banchettare con insetti e una particolare larva che trovano in abbondanza sotto il manto erboso e di cui, evidentemente, vanno ghiotti. Un banchetto c ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

forni di sopra

Altro che biliardo verde. Il campo di calcio di Forni di Sopra sembra piuttosto un gruviera da qualche giorno a questa parte e la colpa, stavolta, non è di cinghiali o tassi: i responsabili sono i corvi. Decine e decine di corvi.

Ospiti indesiderati che soggiornano tutto il giorno sull’erba del rettangolo di gioco (nella foto), a banchettare con insetti e una particolare larva che trovano in abbondanza sotto il manto erboso e di cui, evidentemente, vanno ghiotti. Un banchetto che ha però pesanti conseguenze: scavando con le zampe e con il becco, ripetutamente, alla ricerca di cibo lasciano ampi spazi di terra rimossa tra le zolle erbose, rendendo così inutili le amorevoli cure degli addetti dell’area sportiva (di proprietà del Comune), che non è più a disposizione della locale squadra di calcio, ma che nella bella stagione viene ampiamente utilizzata per camp estivi e altre iniziative sportive, in particolar modo quelle riservate ai giovani. «Un danno non da poco – esordisce il sindaco Lino Anziutti – , il terreno di gioco è messo davvero male, alcuni settori sembrano quasi arati, ma anche se può sembrare incredibile è tutta opera dei corvi. Il problema si è manifestato un paio di settimane fa, per fortuna al termine della stagione a più intenso utilizzo dell’impianto sportivo: abbiamo subito effettuato un sopralluogo con i nostri tecnici e una volta registrata la serietà della situazione siamo ricorsi al parere di specialisti esterni, di Udine: sono state eseguite delle campionature, analizzato il terreno e individuato quello che è il cibo che attrae così tanti corvi: a breve saranno disponibili i risultati di quell’analisi specialistica e ci forniranno una soluzione definitiva al problema. Sulla base di quelle che saranno le indicazioni ci muoveremo, prontamente, per avviare i necessari trattamenti sul campo sportivo, in modo tale da poterlo proteggere per l’inverno e restituirlo in perfette condizioni per la prossima primavera».

Il centro dolomitico da diversi anni non ha più la squadra di pallone: i giocatori fornesi militano nell’Audax di Forni di Sotto o in altre compagini carniche. E proprio il mancato calpestio del campo di calcio potrebbe essere una delle concause della situazione venutasi a creare: in assenza di un’attività sportiva periodica, infatti, sarebbe cresciuto il numero di insetti che popolano l’area verde. Per la gioia dei corvi, appunto. —