Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’opera dedicata a San Valentino fu realizzata dal Manini nel 1784

Nell’incendio dell’altra notte al santuario di Nimis è purtroppo andata completamente distrutta la pala raffigurante i santi Valentino, Osvaldo e Nicolò, realizzata da Giulio Antonio Manini nel 1784....

Nell’incendio dell’altra notte al santuario di Nimis è purtroppo andata completamente distrutta la pala raffigurante i santi Valentino, Osvaldo e Nicolò, realizzata da Giulio Antonio Manini nel 1784. L’opera era stata restaurata, qualche anno fa, anche grazie al contributo della Fondazione Friuli. «È un’opera realizzata proprio per quell’altare – ha testimoniato il vicario foraneo, monsignor Rizieri De Tina – nel 1784». L’opera ricordava la festa che storicamente, ogni anno a Nimis, si tenev ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Nell’incendio dell’altra notte al santuario di Nimis è purtroppo andata completamente distrutta la pala raffigurante i santi Valentino, Osvaldo e Nicolò, realizzata da Giulio Antonio Manini nel 1784. L’opera era stata restaurata, qualche anno fa, anche grazie al contributo della Fondazione Friuli. «È un’opera realizzata proprio per quell’altare – ha testimoniato il vicario foraneo, monsignor Rizieri De Tina – nel 1784». L’opera ricordava la festa che storicamente, ogni anno a Nimis, si teneva sul prato delle Pianelle, in onore appunto di San Valentino, ed era conosciuta come la “Festa delle arance”. L’evento era dedicato a «coloro che andavano a fare mattoni» nell’ex impero austro-ungarico. In ricordo di questa tradizione, ogni anno viene ancora oggi celebrata una messa nella chiesa della Madonna delle Pianelle.