Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La minoranza sulla Rievocazione: eventi mal ripartiti

Il consigliere Antonio Di Piazza sottolinea alcuni difetti  della manifestazione storica: «Va ripensato anche il tema  del pagamento del biglietto» 



Con l’ultima edizione della Rievocazione appena conclusa, è tempo di qualche riflessione secondo i gruppi di opposizione presenti in consiglio comunale. «Anche questa manifestazione – commenta il capogruppo Antonio Di Piazza - ha riscontrato un notevole successo di pubblico, grazie all’impegno di tante associazioni, Gruppo storico in primis, e grazie alla presenza di un numero notevole di figuranti provenienti da altri Paesi. Il Comune, co-organizzatore, ha elogiato i risultati, ma credo che ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter



Con l’ultima edizione della Rievocazione appena conclusa, è tempo di qualche riflessione secondo i gruppi di opposizione presenti in consiglio comunale. «Anche questa manifestazione – commenta il capogruppo Antonio Di Piazza - ha riscontrato un notevole successo di pubblico, grazie all’impegno di tante associazioni, Gruppo storico in primis, e grazie alla presenza di un numero notevole di figuranti provenienti da altri Paesi. Il Comune, co-organizzatore, ha elogiato i risultati, ma credo che sia il caso di focalizzare l’attenzione su alcuni aspetti migliorabili».

Di Piazza si sofferma sulla decisione di concentrare la maggior parte degli eventi tra Piazza Grande, borgo Cividale, l’accampamento e la zona di svolgimento delle battaglie. «Penso si debba ripensare quest’aspetto – argomenta – . Gli altri due borghi, erano praticamente vuoti e non credo che la Rievocazione abbia portato molte persone e turisti nelle attività commerciali che si affacciano su quelle strade. Certo se qualche evento fosse stato organizzato anche in borgo Aquileia e Udine…». Il consigliere propone per la prossima edizione di suddividere gli eventi anche negli altri due borghi oppure, se si tratta di una scelta logistica di concentrare tutto in un borgo, meglio fare a rotazione negli anni, in modo da coinvolgere tutta la città.

Un altro appunto riguarda la decisione di far pagare l’ingresso all’area dell’accampamento e delle battaglie. «Prendiamo atto – precisa - di questa scelta, che va a coprire parzialmente i costi della manifestazione, e del fatto che il costo del biglietto non fosse alto. Tuttavia introdurrei delle agevolazioni per i cittadini di Palmanova, visto che la Rievocazione è una festa dell’intera città. Molti inoltre sono coloro che hanno preso l’abitudine di vestirsi in costume secentesco, pur non essendo parte attiva del Gruppo Storico, ma contribuendo alla coreografia generale della manifestazione: per costoro si potrebbe prevedere l’ingresso gratuito». —