Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Riparte una scuola primaria resa più accogliente e sicura

Cerimonia inaugurale, alla vigilia dell’inizio delle lezioni, per la struttura didattica intitolata a Maria Molinari Pietra





È stata la festa di una comunità intera l’inaugurazione della scuola primaria “Maria Molinari Pietra”, che dopo i lavori di adeguamento antisismico ha riaperto le porte con nuovi spazi interni ed esterni accoglienti e a norma.

«È con autentica emozione – ha detto il sindaco Daniele Moschioni – che tagliamo il nastro inaugurale», ricordando come questo sia stato il primo edificio scolastico regionale a beneficiare del contributo del Miur. «Una realizzazione importante, un milione e 200 mila eu ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter





È stata la festa di una comunità intera l’inaugurazione della scuola primaria “Maria Molinari Pietra”, che dopo i lavori di adeguamento antisismico ha riaperto le porte con nuovi spazi interni ed esterni accoglienti e a norma.

«È con autentica emozione – ha detto il sindaco Daniele Moschioni – che tagliamo il nastro inaugurale», ricordando come questo sia stato il primo edificio scolastico regionale a beneficiare del contributo del Miur. «Una realizzazione importante, un milione e 200 mila euro la spesa per l’80% a finanziamento statale, più 150 mila euro investiti dall’amministrazione comunale». A breve sarà anche risistemata all’esterno l’area del parcheggio.

Le fasi dei lavori (dalla prima parziale demolizione, al rinforzo dei solai, fino al rifacimento degli impianti in un’ottica sostenibile) sono state illustrate dall’assessore all’edilizia Laura Arteni.

«Come di consueto al termine di ogni opera pubblica – ha aggiunto Moschioni– abbiamo voluto piantumare il gelso a confine, simbolo della nostra storia».

L’importanza del legame con il territorio è stata ricordata anche dal nuovo dirigente dell’Istituto comprensivo di Manzano (al quale il plesso di Corno appartiene), Andrea Carletti, e da Sonia Paolone, assessore all’istruzione. Una realizzazione che è «esempio di concretezza e buon lavoro», secondo il consigliere regionale Diego Bernardis.

Sulla facciata, ben visibile, accanto al bel murale del maestro Jacopo Topazzini, l’intitolazione alla poetessa e scrittrice Maria Molinari Pietra, che visse per molti anni a Corno di Rosazzo, ai piedi delle colline di Gramogliano. Intitolazione proposta dalla Società filologica friulana nel 1949, quando sorse l’edificio, «laddove prima – ricorda Laura Pers, titolare dell’edicola antistante la scuola – c’era un campo di pannocchie».

Prima della visita dei locali e di un conviviale momento di festa, il diacono Fiorino Miani ha impartito la benedizione all’edificio rinnovato e da ieri invaso dalle voci dei bambini. —