Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Friuli doc: Bande, dj e per la chiusura grande musica con Anna Oxa

Ci saranno spettacoli per tutti i gusti, dalle note classiche al rock’n’roll. Concerto in piazza domenica sera per il finale

I NOSTRI APPROFONDIMENTI

Sarà la voce unica e inconfondibile di Anna Oxa, che ripercorrerà i brani più significativi della sua carriera, a salire sul palco di piazza Libertà e chiudere, domenica alle 21.30, la XXIV ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

I NOSTRI APPROFONDIMENTI

Sarà la voce unica e inconfondibile di Anna Oxa, che ripercorrerà i brani più significativi della sua carriera, a salire sul palco di piazza Libertà e chiudere, domenica alle 21.30, la XXIV edizione di Friuli Doc.

Il grande concerto è a ingresso libero. Lo spettacolo della cantante fa tappa a Udine con il tour “Voce sorgente”. Sul palco anche altri sei musicisti per realizzare un medley delle sue canzoni di maggior successo in grado di emozionare e coinvolgere il grande pubblico. E la musica sarà il fil rouge che accompagnerà l’intera manifestazione, come sottolineato dal direttore artistico della kermesse Renato Pontoni. Già da giovedì, alle 21.30, si partirà con un’eccellenza friulana, “Gli Ottoni” del conservatorio Tomadini di Udine, diretti dal maestro Lazzaroni. Venerdì arriva lo show di Mattew Lee, artista internazionale, pianista talentuoso e cantante amante del Rock and Roll che, con la sua band, presenta “Piano Man live tour”.

Sabato la serata è all’insegna della marilenghe, alle 21.30, con il Festival della canzone friulana, in un’inedita replica dell’edizione 2017, organizzata in collaborazione con Noi Cultura e Turismo e con la partecipazione di Martina Riva e Claudio Moretti. La Mitteleuropa Orchestra, diretta dal maestro Valter Sivilotti, per l’occasione ripropone le canzoni selezionate per la finale dell’ultima edizione svoltasi al teatro Giovanni da Udine. Ma, a Friuli Doc, quello che non manca, è lo spettacolo e soprattutto la musica dal vivo, in strada.

Pop, RnB, freestyle, funk, blues, jazz, swing, reggaetton, latin, rock‘n’roll, rock, italiana, anni’70 e’80, folk, disco, rockabilly, in acustico ed elettrico: ce n’è per tutti i gusti e oltre al main stage di piazza Libertà saranno allestiti altri palchi coperti nel piazzale del castello, in largo Ospedale Vecchio e nelle piazze XX Settembre, San Cristoforo e Matteotti, dove, sabato e domenica, ci sarà il pranzo con dj-set, con l’intrattenimento di Dave March, Kriss Simon ed Emiliano Zimolo, mentre nel piazzale del castello l’appuntamento è con dj Federico Cozzi solo la domenica alle 12.30 (sabato alle 13 in castello il Gruppo fisarmonicisti di Tarcento).

La festa continua on the road con numerose iniziative itineranti e torna a Udine il “Carillon vivente”: su un bianco pianoforte a coda, suonato da un pianista in maschera, gira sulle punte una ballerina. Da non perdere la performance dei Miwa, i supereroi della cartoon street band premiata a Italia’s got Talent e lo spettacolo travolgente degli eleganti fiati della Funkasin street band. E ancora le Girlesque, street band tutta al femminile, i brani allegri di Disco stajare e il repertorio goliardico di Quella Mezza Sporca Dozzina. Musica itinerante nelle vie del centro grazie anche alla partecipazione delle bande di Pradamano, Lignano, Fagagna, Coja e della filarmonica di Pozzuolo, e piazza San Giacomo ospiterà un pianoforte “a tocco libero”.

Friuli Doc è anche tradizione e non mancheranno la Fanfara della Brigata Alpina Julia, il gruppo medievale Borgo Pracchiuso, “Sot la Nape” di Villa Santina, “Lis Stelutis di Udin” e il coro “Lis Sisilutis” di Attimis, e giovedì, alle 20, per la prima volta “Ben arrivata Sappada”, l’esibizione del gruppo folkloristico Holzhockar. «La musica e lo spettacolo sono i migliori collanti per l’enogastronomia – rimarca Pontoni – e abbiamo cercato di mettere a punto un programma per accontentare tutti i gusti sempre alla ricerca della qualità».