In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Austria vicina

L’Austria preferisce l’”usato sicuro” e vota “Sasha”

2 minuti di lettura

Alexander Van der Bellen ce la fa già al primo turno. Il 54,6 degli austriaci ha votato per lui. Resterà inquilino della Hofburg – il palazzo imperiale che dal 1920 ospita la Presidenza della Repubblica austriaca – anche nei prossimi sei anni.

Il risultato era abbastanza prevedibile, anche se non scontato. Nella storia delle elezioni presidenziali era andata sempre così. I presidenti in carica che si erano ricandidati per un secondo mandato erano sempre stati rieletti. Era accaduto con il predecessore di Van der Bellen, il socialdemocratico Heinz Fischer, e con il predecessore del predecessore, il diplomatico Thomas Klestil, proposto dall’Övp (Partito popolare).

Questa volta il dubbio riguardava soltanto il superamento della soglia del 50%, necessaria per essere eletti al primo turno, senza dover ricorrere al ballottaggio. Van der Bellen partiva sicuramente in vantaggio, ma doveva vedersela con ben sei sfidanti, un record nella storia austriaca.

I competitori erano a dir poco modesti (la stampa austriaca li aveva definiti “nani”), ma erano tanti e insieme avrebbero potuto superare il 50%. Invece già il primo exit poll, poco dopo le 17, a Van der Bellen veniva attribuito il 54,6%, risultato confermato nel corso della serata.

Le ragioni del successo sono molteplici. In primo luogo, come abbiamo detto, il fatto di essere il presidente uscente e gli austriaci, tradizionalmente conservatori, hanno preferito l’”usato sicuro”, anziché avventurarsi su strade nuove. Ma Van der Bellen è un esponente del movimento verde che già al tempo in cui era attivo in politica (per 9 anni portavoce dei Grünen e loro leader in Parlamento) aveva saputo rassicurare l’opinione pubblica: ambientalista sì, ma non un “chaoten” (estremista e confusionario) come erano stati i suoi predecessori. Aveva suscitato allora – e lo ha fatto anche nei sei anni di presidenza – l’impressione di un moderato professore universitario di economia e finanza, sensibile ai temi verdi (ambiente, immigrazione, superamento delle disparità), ma senza atteggiamenti barricadieri.

Di queste sue qualità aveva dato prova anche durante il mandato presidenziale, uno dei più difficili della storia austriaca, con crisi politiche mai viste prima e cambio di ben cinque cancellieri. Ha saputo gestire l’emergenza, prendendo la parola, quando andava presa. Ma non sempre. Gli si rimprovera, per esempio, di non aver aperto bocca, dopo che erano venuti alla luce gli scandali che avevano coinvolto il cancelliere Sebastian Kurz e il suo “cerchio magico”.

Nei sei anni che ha davanti a sé potrà fare tesoro dell’esperienza acquisita. Van der Bellen – che i suoi amici chiamano affettuosamente “Sasha”, vezzeggiativo russo di Alexander (i genitori erano arrivati a Vienna nel 1944 profughi dalla Russia) - tra pochi mesi farà 79 anni e alla fine del mandato ne avrà 84. Sarà il più vecchio presidente in carica.

Che dire degli avversari? Sapevano tutti di non farcela, ma si sono fatti avanti lo stesso, perché per candidarsi bastano 6.000 firme. Anche senza spendere un euro nella propaganda, si ottiene gratis una presenza in tv e sui giornali altrimenti inimmaginabile. Quasi tutti lo hanno fatto proprio per questa ragione. Solo il candidato dell’Fpö (estrema destra sovranista), Walter Rosenkranz, si era impegnato sul serio, investendo 3 milioni, molto più dello stesso Van der Bellen. Soldi buttati, ma che gli hanno dato visibilità, in vista di futuri progetti politici.

I commenti dei lettori