In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ambientalisti preocupati per i lavori al rio Vignella

San Vito, chieste rassicurazioni per l’opportuna salvaguardia di flora e fauna L’assessore Bruscia: «Vigileremo affinché le opere non creano impatti sul sito»

1 minuto di lettura

SAN VITO

Ha sottoposto le proprie istanze a tutto campo all’amministrazione comunale il comitato per l’ambiente sanvitese: dall’ambito della Vignella, che presto dovrebbe divenire biotopo regionale, alle nuove centrali a biomasse, la presidente del comitato Rita Gusso sotto certi aspetti pare rassicurata, sotto altri meno.

All’assessore comunale all’ambiente Andrea Bruscia ha ribadito alcune richieste, come l’adozione di un piano del verde, la salvaguardia dei biotopi locali, l’attenzione alle piante in caso di interventi urbani, lo studio delle aree verdi e via dicendo. Una delle questioni al centro dell’incontro riguardava l’area delle olle di risorgiva del rio Vignella. È recente una missiva inoltrata dal comitato al Comune, ma anche a Provincia e numerosi sodalizi che si occupano di tematiche ambientali (tra cui il Wwf): preoccupano alcuni lavori idraulici in un tratto di circa 700 metri (non direttamente il parco delle olle, ma a esso collegato) della Vignella. Da qui la richiesta di rassicurazioni per flora e fauna della roggia.

«Ci stiamo attivando nelle sedi opportune affinché i lavori non siano impattanti – spiega Bruscia -. É inoltre in fase avanzata la domanda alla Regione per ottenere il riconoscimento di due biotopi tra loro collegati nella stessa area: oltre al parco delle olle della Vignella, la richiesta è estesa al cimitero degli Ebrei, area di interesse storico-culturale. Sono ambiti che devono essere mantenuti con le loro specialità naturali: penseremo anche a un modo affinché i cittadini possano conoscere la loro bellezza». L’idea è di implementare per esempio la cartellonistica, spiegando le particolarità strettamente locali di flora e fauna in questi luoghi e le misure di tutela. Le perplessità del Comitato rimangono sulle biomasse. A San Vito è in costruzione un impianto nella zona industriale, mentre per altre tre l’iter è avviato. «Non sono da scartare iniziative in merito da parte nostra – afferma la Gusso -: rimaniamo critici verso questi impianti, che per noi significano soldi buttati (non sono redditizi, il business si basa su finanziamenti che vengono tolti alle energie rinnovabili) e conseguenze per l’ambiente». La posizione in merito di Bruscia «è la stessa di Wwf e Legambiente - conclude l’assessore -: se gli impianti rientrano in una filiera locale integrata, possono essere occasione di sviluppo. Continueremo a vigilare affinché gli impianti sanvitesi non siano impattanti per il territorio e la salute dei cittadini».

Andrea Sartori

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori