In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Baracetti festeggia 80 anni di battaglie in difesa del Friuli

Nel Pci e oltre, un politico sempre sulle barricate. «Di tutti i valori vissuti oggi mi resta l’identità»

2 minuti di lettura

Ottant’anni densi, quelli festeggiati pochi giorni fa da Arnaldo Baracetti. Una tornata di vita in cui stanno l’acme e il crollo del fascismo, la guerra e la Resistenza, la nuova politica democratica, la nascita della Regione, il terremoto e tanto altro. Eletto a Trieste e successivamente a Roma, dove è stato vicepresidente della commissione Difesa, Baracetti guida oggi il Comitato per l’autonomia e il rilancio del Friuli. Il 20 gennaio l’Istituto Pre’ Checo Placereani presenterà un quaderno sulla sua attività scritto da Geremia Gomboso e Gianfranco Ellero, argomento al centro anche di questa intervista al Messaggero Veneto.

Novecento, secolo breve e bistrattato. Lei che giudizio ne dà?

«Per la parte che ho vissuto rappresenta il momento del riscatto democratico italiano, con la caduta del fascismo, il ripudio della guerra, la crescita un grande movimento popolare. Poi c’è stato un affievolimento della sensibilità e della partecipazione, per colpa di una politica inadempiente. L’impegno per il cambiamento non è stato onorato, e la gente si è rassegnata a brontolare in democrazia piuttosto che avventurarsi nel ribellismo».

Due termini la definiscono: politico e friulano. Qual è il sostantivo?

«Politico, senza dubbio. Senza politica si può interpretare scorrettamente la friulanità. Una cosa è battersi per la difesa dell’identità, della cultura, della lingua, dello sviluppo economico, un’altra è chiudersi in una visione limitata. La Piccola Patria non è un’isola, è parte di questa nazione, di questo Stato democratico, dell’Europa. Dobbiamo rivendicare la pienezza dei nostri diritti senza contrapposizioni sul piano regionale o nazionale, perché apparteniamo a un tutto».

Negli ultimi decenni una mutazione antropologica ha fatto sbiadire l’antica cultura rurale cosí cara a Pasolini. Cosa rimane dei suoi valori e dei suoi riferimenti?

«Si tende a rispondere che ne rimane ben poco, e che è difficile anche preservare le rare sopravvivenze. Ma credo che in fondo la gente senta in maniera forte la questione delle radici. Chi la considerasse un cascame facilmente liquidabile commetterebbe un gigantesco errore di valutazione; però vanno evitate, ripeto, distorsioni e strumentalizzazioni. Il senso profondo della friulanità – che deve valersi della politica, non viceversa – oggi viene talvolta usato per fini che ci entrano poco o nulla».

A proposito di mutamenti, anche la sinistra non scherza. Il Pci in cui ha militato oggi è diventato Pd...

«Il Pd, riferimento essenziale per lo schieramento di centro-sinistra, non si richiama alle vecchie formule. Siamo in presenza di qualcosa di nuovo e continuamente evolventesi, di diversità unite dai valori incontrattabili della Costituzione, e convergenti verso uno sviluppo democratico e progressista. Mi piacerebbe che il partito fosse autonomo; non per spaccare l’unità, ma per poter giungere a elaborazioni specifiche, nel quadro di una linea generale condivisa. Perché si parla tanto di federalismo, ma poi vince sempre la visione centralistica dello Stato. E però non si deve deflettere, mai».

Guardando al suo operato, di che cosa si sente piú orgoglioso?

«Delle grandi leggi nazionali: per la ricostruzione, per l’istituzione dell’università, per la valorizzazione della cultura e della lingua friulana, per lo sviluppo della cooperazione internazionale. All’epoca tutti i deputati friulani avevano fatto blocco, perché la coesione, l’intraprendenza, la capacità di combattimento parlamentare, permettono di superare le diversità ideologiche. E penso anche al Corridoio 2 e al raddoppio della Pontebbana. Un punto su cui ci siamo positivamente impegnati, e sul quale al momento noto una certa latitanza dell’Europa, e anche dei nostri rappresentanti, Serracchiani inclusa. Parlano molto di ciò che vogliono fare, ma poi non succede niente».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori