In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Gli emiliani al Distretto: «Grazie, ma restiamo qui»

Tramonta l’ipotesi di offrire i capannoni sfitti per le aziende colpite dal sisma E Corno di Rosazzo attraverso il basket avvia un filo diretto con i terremotati

1 minuto di lettura

CORNO DI ROSAZZO. «Il capitale umano non è trasferibile». Questo in sintesi il messaggio raccolto dall’Emilia dal sindaco di Corno di Rosazzo Loris Basso. Il Distretto ha risposto positivamente alla proposta di aprire i propri capannoni dismessi, laddove questi siano a norma, agli imprenditori emiliani. Sul territorio comunale, tuttavia, il numero delle metrature a disposizione è esiguo. «Ma la questione è più complessa – spiega Basso».

«In occasione della catena di solidarietà che si è creata con uno dei comuni colpiti, Mirandola - continua il primo cittadino - ho parlato personalmente con il sindaco emiliano, Maino Bennati, che ringraziandoci per quanto stiamo facendo mi ha ribadito la volontà delle aziende emiliane di rimanere in loco, spiegandomi che l’emergenza non riguarda tanto gli edifici industriali quanto piuttosto le maestranze che in essi vi lavorano. Non è infatti pensabile di trasferirle in un momento di tale criticità».

Più efficace, quindi, nell’immediato, la raccolta fondi che ha visto il comune di Corno di Rosazzo attivarsi fin da subito. Nell’ultimo consiglio comunale, infatti, sono stati stanziati pro Emilia 5 mila euro su proposta, votata all’unanimità, del capogruppo di maggioranza Maurizio d’Osualdo. Con altrettanta disponibilità ha risposto il mondo dell’associazionismo molto attivo sul territorio comunale. A cominciare, ieri sera, dal Centro Sedia Basket che ha devoluto l’incasso della finale dei play-off all’emergenza terremoto.

«Nel corso dell’ultimo incontro di basket in Emilia, qualche giorno fa, – aggiunge Basso - ho incontrato il sindaco di Ferrara, fra il primo e il secondo tempo, comunicando a lui e alle oltre 2.500 persone intervenute alla partita l’impegno del nostro comune. Dopo questo primo contatto, due giorni fa, il sindaco di Mirandola ha contattato personalmente l’assessore alla protezione civile Fabiano Livoni per valutare insieme le modalità di destinazione dei fondi raccolti».

Ma la catena di solidarietà continua, non solo grazie all’apertura del conto corrente di solidarietà presso la Banca di Credito Cooperativo di Manzano (iban IT 41 N 08631 63770 000100405000 causale “Solidarietà emergenza terremoto Emilia Romagna)”, ma anche grazie alla disponibilità di tutte le associazioni sportive di Corno di Rosazzo che hanno deciso di devolvere l’incasso degli appuntamenti sportivi o dei saggi estivi in favore delle popolazioni terremotate».

Manuela Battistutta

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori