Viene da Luincis di Ovaro il miglior salame carnico

Lo ha sancito una giuria popolare a Villa Santina durante la festa dell'insaccato solidale effettuata in ricordo di Elio Fedar

VILLA SANTINA. Viene da Luincis di Ovaro il miglior salame della Carnia. Lo ha sancito una giuria popolare durante la festa del salame solidale effettuata in ricordo di Elio Fedar nella piazza dell’ex stazione ferroviaria. 81 gli espositori, in particolare della val Tagliamento e della val di Gorto, ma non sono mancati partecipanti giunti dal Canal del Ferro e dal resto del Friuli, oltre che naturalmente dalla Carnia.

La giornata ha visto effettuarsi pure una mostra di auto e moto d’epoca, mezzi che sono stati benedetti, assieme alle altre vetture, dal parroco dopo la messa mattutina. Quindi il via alla festa godereccia con un folto pubblico che ha funto da giuria per la scelta del miglior salame, affumicato e no. La classifica è stata redatta dal pubblico stesso, dopo l’assaggio dei salami esposti.

La giuria, composta dalla gente presente alla festa, aveva innanzi a sè 81 taglieri dove venivano affettati i salami, con circa 4 mesi di stagionatura, contrassegnati da un numero, ma senza l’indicazione del norcino produttore. La scelta è stata effettuata perciò solamente mediante la degustazione: alla fine il più gettonato è risultato quello di Loris Beorchia di Luincis di Ovaro, che bissa il primo posto ottenuto lo scorso anno, seguito al secondo posto da quello di Ennio Adami di Uerpa di Lauco, terzo classificato il salame proposto da Italo Zompicchiatti di Premariacco. La novità di questa edizione è stata la maxi-paiella servita in piazza che ha avuto numerosi consensi.

Il ricavato della giornata, organizzata dalla Pro loco e dal Comune locale, con The Middays’ Tai Club e Caemec, come al solito, sarà devoluto alla Via di Natale di Aviano. Una giornata dedicata da una ventina di volontari alla solidarietà, che ha visto la partecipazione di una bancarella di Slow Food e che potrebbe essere una opportunità, specie in questi momenti di crisi anche occupazionale, per produrre economia e attrazione turistica per l’intero territorio della Carnia.(g.g.)

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi