In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Fissata per l’11 settembre la prima grande protesta

Meno 8. Otto giorni a quello che si profila come un incontro cruciale per il destino dello stabilimento Ideal Standard di Orcenico. L’11 settembre alle 10,30 a Roma, al ministero dello Sviluppo...

1 minuto di lettura

PORDENONE. Meno 8. Otto giorni a quello che si profila come un incontro cruciale per il destino dello stabilimento Ideal Standard di Orcenico. L’11 settembre alle 10,30 a Roma, al ministero dello Sviluppo economico, si riaprirà il tavolo sul piano industriale del Gruppo in Italia piano che, com’è noto, passa attraverso la chiusura del sito pordenonese, il trasferimento degli impianti a Trichiana, il licenziamento di 450 dipendenti.

«In quella sede - ribadiscono i segretari provinciali di Femca, Filtcem e Uiltec, Franzo Rizzo, Giuseppe Pascale e Maurizio Sacilotto - ci attendiamo che l’azienda ritiri ufficialmente l’annuncio di chiusura. In caso contrario - è la promessa - siamo pronti, insieme ai lavoratori, 0a occupare lo stabilimento».

Ideal Standard «ritiene di risolvere i suoi problemi dismettendo questa fabbrica - considerano i sindacalisti - e assegnando ad altri gli impianti. Non è una scelta accettabile e faremo in modo che non diventi possibile».

Rispetto al precedente piano che individuava sei scenari (il trasferimento dei volumi di produzione negli stabilimenti italiani da alcune fabbriche estere, il ridimensionamento delle tre unità produttive in Italia, l’uso di ammortizzatori sociali, il lavoro part time per tutti i dipendenti di Ideal Standard industriale, la riduzione della sovraccapacità produttiva attraverso la chiusura di uno stabilimento e infine la cessione di uno stabilimento a un imprenditore in grado di fornire tutte le necessarie rassicurazioni relative al mantenimento degli stessi livelli occupazionali), «alla fine del processo di analisi nessuno dei primi quattro scenari, anche combinati, si sono dimostrati in grado di assicurare un equilibrio tra i volumi in calo e i costi di produzione, determinando quindi perdite economiche di lungo periodo e rendendo di fatto l’attuale presenza in Italia non sostenibile» aveva spiegato l’azienda. Per sopravvivere, Ideal Standard deve aumentare la competitività riducendo i costi fissi e concentrando la produzione, “salvando” così due fabbriche su tre e chiudendo quella meno competitiva. Orcenico, appunto,

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori