In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Tecnico della Ravanelli rapito in Libia

L’uomo che lavora per la società “Enrico Ravanelli” di Venzone al momento per la Farnesina risulta irreperibile

2 minuti di lettura

VENZONE. Un tecnico della società di costruzione “Enrico Ravanelli” di Venzone, il veneto Gianluca Salviato, è scomparso ieri dalla zona di Tobruk, che si trova nella parte orientale della Libia. In quell’area l’azienda friulana è attualmente impegnata a realizzare opere di urbanizzazione.
Alla Farnesina, nella tarda serata di ieri, l’uomo risultava «irreperibile». Tuttavia, secondo le prime informazioni filtrate dalla polizia libica, l’uomo potrebbe essere stato sequestrato a scopo di estorsione.
A Venzone, in azienda, e soprattutto nella zona di Venezia, dove Salviato abita, la tensione e la preoccupazione sono altissime perché nell’auto del tecnico idraulico – che è diabetico – è stato trovato, insieme ai suoi effetti personali, anche il kit con la sua riserva di insulina e altre medicine. Si teme, dunque, per la sua vita.
«Da quello che abbiamo saputo, Gianluca si era recato in città, a Tobruk, per alcuni collaudi– ha riferito al telefono un portavoce della Ravanelli nella tarda serata di ieri – e, a mezzogiorno, era atteso in cantiere, come al solito. Ma nessuno l’ha visto rientrare. L’allarme e le ricerche sono scattate immediatamente. Abbiamo avvertito le forze dell’ordine di Tobruk e tutte le autorità libiche. L’intera cittadina si è mobilitata per ritrovarlo – riferisce ancora il rappresentante dell’azienda di Venzone –, ma purtroppo, per il momento, è stata individuata solo la sua vettura». E aver trovato solo l’auto non è stata una buona notizia perché, come detto, nell’abitacolo c’erano i farmaci salvavita di Salviato. «Lo stanno cercando strada per strada - dicono ancora dalla Ravanelli -, mentre noi da qui siamo in collegamento costante con il cantiere. Ma sono tutti fuori, appunto nella speranza di rintracciarlo al più presto».
La “Enrico Ravanelli Spa” di Venzone è una società di costruzioni impegnata dall’ottobre 2012 nei lavori per la ricostruzione degli impianti idrici e fognari di Tobruk, nella regione Cirenaica, culla della rivoluzione della primavera del 2011 che portò alla rivolta contro Muammar Gheddafi. Da allora quella zona è rimasta la più turbolenta del Paese nordafricano. Il controllo delle forze di Tripoli è ridotto. Nell’area spadroneggiano miliziani che non riconoscono le autorità centrali.
La Farnesina, che ha più volte sconsigliato «di recarsi per qualsiasi motivo in Cirenaica e nel Sud del Paese» (l’ultimo avviso è di ieri), sta seguendo «con il massimo impegno» la situazione, in stretto contatto con l’Unità di crisi e l’ambasciata italiana a Tripoli. Lo scorso 17 gennaio, due operai calabresi, Francesco Scalise e Luciano Gallo, di 63 e 52 anni, erano stati rapiti vicino a Derna, sempre in Cirenaica, poi liberati venti giorni.
A tre anni dall’inizio dei bombardamenti occidentali contro le forze di Gheddafi, la Cirenaica resta in preda al caos, teatro di rapimenti (il più delle volte a scopo di estorsione) e scontri tra ex rivoluzionari e forze libiche che non riescono a controllare il territorio, diventando quasi quotidianamente l’obiettivo di attentati e uccisioni. La regione è stata dichiarata «autonoma» da un ex rivoluzionario Ibrahim Jadran che guida l’Ufficio politico di Barqa (nome arabo della Cirenaica). È lo stesso gruppo che da mesi blocca i porti e i terminal petroliferi dell’est e che, nelle scorse settimane, ha tentato di esportare greggio «in proprio», stivandolo in una nave battente bandiera nordcoreana, in barba alle autorità di Tripoli. La petroliera “Morning Glory” è stata poi intercettata domenica scorsa al largo di Cipro da Navy Seal che ne hanno preso il controllo. Riportata in acque internazionali al largo di Tripoli la nave cisterna è stata riconsegnata ieri dalla marina Usa alle autorità libiche.

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori