In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
L’evento

In 500 per l’udienza con papa Francesco: il presepe di Sutrio in piazza San Pietro – La diretta dal Vaticano

L’inaugurazione dell’opera realizzata dagli artigiani friulani. Sui bus partiti nella notte preghiere e racconti

alessandra ceschia
2 minuti di lettura

QUI LA DIRETTA DAL VATICANO

C’è chi, mentre il pullman sfrecciava nella notte dalle pendici del monte Zoncolan verso il cuore della cristianità, ha recitato il rosario, chi ne ha approfittato per riposare, altri si sono scambiati emozioni e informazioni. Ma in ogni singolo componente dell’imponente delegazione friulana – composta da mezzo migliaio di persone – che oggi entrerà in sala Nervi per partecipare all’udienza papale e poi parteciperà all’inaugurazione del presepe nato a Sutrio, correva l’emozione, l’orgoglio e la consapevolezza che, grazie allo sforzo di tante persone, il Natale in piazza San Pietro fino al giorno dell’Epifania sarà scandito da un battito forte e genuino che proviene del cuore profondo del Friuli, dai suoi boschi e dai suoi artigiani del legno.

Su quelle corriere partite dalla piazza del paese sono voluti salire tutti – il passeggero più piccolo ha 7 anni ma non mancano gli ottuagenari – perché ognuno si sentiva parte di quel piccolo miracolo friulano, nato in un borgo di 1.280 anime, che ieri in piazza San Pietro ha incantato turisti, giornalisti di tutto il mondo e passanti. A loro si sono unite persone provenienti da tutta la regione.

«Quando ho visto il nostro presepe allestito in piazza non nascondo che mi sono commossa – rivela l’assessore alla Cultura di Sutrio Sara Morocutti –, ho risposto alle domande di tante persone che si sono fermate in piazza, spiegando come era nato quel progetto e quanti volontari vi avevano contribuito. Quella creazione, essenza della spiritualità, incarna i valori della nostra comunità e la nostra capacità di stare insieme».

Un’emozione condivisa dal sindaco Manlio Mattia: «L’iniziativa realizzata grazie all’impegno di tutti ha avuto risonanza mondiale e viene seguita anche da tanti ex corregionali che vivono all’estero – commenta – attendiamo con emozione il momento dell’inaugurazione, quando la Sacra Famiglia, ora ricoperta da un telo bianco, verrà svelata e ad accompagnare quelle figure simboliche saranno le note del coro polifonico di Ruda».

In viaggio anche una ventina di ragazzi dell’oratorio don Bosco di Tolmezzo, accompagnati dalle famiglie e dai salesiani; furono proprio quei ragazzi che indossando i colori della “Patrie dal Friûl” il 7 agosto raggiunsero in pellegrinaggio piazza San Pietro con il “feralut” – la lanterna che sarà inserita nel presepe –, appeso allo zaino.

E poi i rappresentanti della Cooperativa Davide Onlus di Tolmezzo, che hanno realizzato uno dei doni per il Papa. Saranno presenti anche loro all'udienza e all'inaugurazione in una data importante, quella in cui si celebra la Giornata mondiale delle persone con disabilità.

A ispirare gli undici artisti coinvolti, i valori di fratellanza, solidarietà sociale e inclusione incarnati dalla 18 statue che compongono il presepe, fra loro un paesaggio umano che comprende un cramar, un maringon, una pastora e una tessitrice, riferimenti immediati alle tradizioni della montagna carnica. E poi un segno di rinascita: i rami e le radici di alberi abbattuti nei boschi fra Sutrio e Paluzza dalla tempesta Vaia intrecciati per accogliere il Bambino.

Un’opera imponente quella realizzata sotto la direzione artistica di Stefano Comelli: 16,8 tonnellate, una superficie di 116 metri quadrati di superficie illuminata da 50 punti luce e dominata da una cupola alta 7 metri. Ma a definirne la reale portata, più che i numeri sono le emozioni e i valori di cui è portatrice.

I commenti dei lettori