In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
il concerto

La vena blues di Irene Grandi: «A Lignano riscopro le origini»

sara del sal
1 minuto di lettura

Irene Grandi torna a Lignano, domani alle 21.30 nella suggestiva piazza Marcello D’Olivo con un concerto live intitolato “Io in blues”.

Come nasce questo concerto?

«Nel periodo di pandemia, quando non potevo trovare ispirazione, non potevo vedere i musicisti e mi riusciva difficile anche solo immaginare un “dopo”, mi sono ricollegata con il mio passato, con la musica delle mie origini. Il blues è stato fondamentale per le origini di altri generi come il rock, il jazz, l’hip hop o il soul e così sono tornata ad artisti come Tracy Chapman, Sade, Pino Daniele e Battisti che hanno colorato la mia voce. È nata così l’idea di un concerto che racconta al pubblico come sono cresciuta».

Ci sarà spazio per i brani che la hanno resa famosa, quasi un’amica per quelle generazioni che sono cresciute con lei?

«Mi piace l’idea che attraverso le emozioni condivise si generi una vicinanza e non deluderò chi verrà per ascoltare alcuni miei brani. Partirò con un repertorio internazionale, poi passerò a quegli artisti italiani che mi hanno ispirata e lascerò spazio per le mie canzoni, riarrangiate con l’organo Hammond che offre loro delle sonorità inedite».

Lei ha collaborato con moltissimi artisti. C’è qualcuno che le ha fatto scoprire qualcosa di sé che non pensava potesse esistere?

«In realtà no, ma molti mi hanno saputo leggere e hanno sottolineato delle parti di me. Penso a Pino Daniele che con “Se mi vuoi” è partito da una vena blues per una canzone semplice, che porta con sé una tristezza velata riuscendo a raccontare una passione che sta nascendo. Vasco invece ha esaltato una parte rock che già sapevo di avere in me con “La tua ragazza sempre”. Bianconi per me ha creato una canzone crepuscolare come “La cometa di Halley” e ha sorpreso tutti questo abbinamento tra il suo stile e il mio arrangiamento pop».

Recentemente ha lavorato a teatro in uno spettacolo intitolato The Witches Seed. Come è stata quella esperienza?

«Lavorare con un team internazionale, con Stewart Copeland e Chrissie Hynde in un’opera rock contornata da cantanti lirici è stata un’esperienza molto interessante che mi ha permesso un’esplorazione di una parte di me che potrebbe essere sviluppata. Raccontare storie attraverso la musica, con movimenti scenici e recitando è stata una bella sfida».

Com’è tornare a Lignano dopo tanti anni?

«Non vedo l’ora, ricordo i tempi del Festivalbar, in cui venivo sempre e sono felice di tornarci con un progetto in cui mi riconosco».

I commenti dei lettori