In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
i romanzi

La notte dei benandanti friulani, l’eterna lotta tra il bene e il male

Paolo Paron racconta in due romanzi la saga di una particolare famiglia della Pedemontana

Martina Delpiccolo
2 minuti di lettura

Celeborn, il signore elfico della stirpe dei Sindar appartenente alla Casa di Elwe nell’universo dello scrittore inglese Tolkien, padre de “Il signore degli anelli”, lancia il monito: «Ma non disprezzare i racconti tramandati per lunghi anni; potrebbe darsi che le nonne rammentino alcune cose, che in passato i saggi era bene conoscessero».

In queste parole è racchiuso lo spirito che muove la ricerca e la scrittura del friulano Paolo Paron, fondatore della Società Tolkieniana Italiana e affamato di storie, come lui stesso ci racconta: «Fin da ragazzo ho cominciato ad intervistare le persone anziane, a raccogliere le loro testimonianze, facendomi narrare le leggende, le storie, i racconti della loro infanzia. Mia passione da sempre. Da questo impegno di raccolta e recupero, che ormai dura già da oltre quarant’anni, è nato poi l’amore per la divulgazione».

Prende così vita, tra vari lavori, dapprima il fumetto del vecchio canuto e saggio benandante Cristoforo di Cerneglons con l’illustratore Francesco Bisaro, in quattro episodi in lingua italiana e friulana, e poi i due romanzi che l’autore indica come due volumi di uno stesso titolo La Notte dei Benandanti, editi da L’Arco e la Corte.

Leggiamo nell’appendice del primo volume: «I benandanti, uomini o donne, riconosciuti come prescelti perché nati con la camicia, combattevano contro streghe e stregoni nelle notti delle Quattro Tempora: erano in grado di sciogliere le fatture ed il malocchio che le streghe ordivano, guarivano bambini ed armenti dalle malattie che venivano loro inflitte da questi esseri maligni, parlavano con i morti e riportavano i loro consigli ai vivi che li avevano richiesti».

La saga si snoda nella seconda metà del ‘900, attorno ai nati con la camicia, ossia ancora avvolti nel sacco amniotico, in una famiglia friulana di un piccolo paese della pedemontana. Protagonisti il benandante Pietro e la guaritrice ed esperta di piante Clorinda, in una storia che è l’eterna lotta tra il bene e il male a colpi di battaglie notturne per contrastare le malie, le cattiverie, gli incanti e «per il bene delle biave», mentre il lettore riscopre gesti e formule segrete della magia popolare.

Formule impartite, nel secondo volume, al giovane Yannick, figlio di “un garou” e di “una benandante”, nato con poteri misteriosi e sconosciuti dagli stessi benandanti, destinato ad essere introdotto nel mondo dell’Altrove, in una scrittura che si connota anche come romanzo di formazione. Se nel primo volume incontriamo il benandante mentre alza il suo grosso e nodoso bastone, simile a quello che tanti stregoni avevano steso nelle notti delle Quattro Tempora, nel secondo volume ascoltiamo il canto dei benandanti accompagnato dal ritmo del bastone che batte la terra: «Scjaraçule Maraçule / la lusigne e la cracule, / la piçule si niçule / di polvar a si tacule» (Bastone e finocchio / la lucciola e la raganella, la piccola si dondola / e di polvere si macchia). E il pensiero va al capolavoro di Carlo Ginzburg.

I commenti dei lettori