In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
L’intervista

Il conduttore tv Massimo Bernardini:«La storia ci aiuta a capire il presente e a non ripetere gli stessi errori»

VALERIO MARCHI
2 minuti di lettura

Martedì 6 settembre, alle 18.30, nella cornice di palazzo Garzolini di Toppo Wassermann a Udine, con accesso libero fino ad esaurimento posti, si svolge la cerimonia di premiazione del Friuli Storia 2022. I finalisti – Claudia Weber (vincitrice), Paolo Macry e Gianluca Falanga – dialogheranno sul tema “Le forze della storia: passione, ideologia e politica” assieme al noto giornalista e conduttore televisivo Massimo Bernardini, che abbiamo intervistato.

Bernardini, conosceva già il Premio Friuli Storia?

«Ne avevo sentito parlare, e mi ha piacevolmente sorpreso il fatto che anni dopo la conclusione del programma Rai “Il Tempo e la Storia”, che ho condotto fino al 2016, ci si sia ricordati di me per un’occasione così importante».

Evidentemente quel programma ha lasciato il segno, se storici di professione hanno rivolto a lei, che è giornalista, questo invito. Ma cosa significa, per lei, essere giornalista?

«Essenzialmente, essere curiosi della realtà e mettere in gioco la propria curiosità affinché il pubblico accenda la sua. Io non faccio giornalismo d’inchiesta né di cronaca… il mio è un giornalismo di divulgazione».

E lei è fra quanti hanno dimostrano che una buona divulgazione può – anzi, forse deve – andare di pari passo con la scienza storica. Qual è dunque il suo rapporto con la storia?

«Per me è una scoperta continua. Sfogliando i tre libri finalisti del Premio, ad esempio, trovo conferma di quanto sia affascinante trovare cose che non ci ricordavamo o che non abbiamo mai saputo, oppure venire a conoscenza di scoperte che gettano nuova luce su aspetti del passato».

La “molla”, dunque, è sempre la curiosità?

«Certamente. D’altronde, uno fa il giornalista perché desidera occuparsi di tante cose, suscitare domande e stimolare l’interesse del pubblico. E credo che sia magnifico per uno storico quando indaga per mesi e anni, con sacrifici e pazienza, e poi scopre una pista e trova una chiave per comprendere un fenomeno, un personaggio, una situazione».

Cosa ha apprezzato di più negli storici che ha incontrato?

«In primo luogo la capacità di presentare i fattori fondamentali e un quadro generale, il contesto di un momento storico, di un passaggio, di un avvenimento, mettendo in ordine tanti tasselli e aiutandoci a uscire dalla frammentarietà. Poi c’è anche chi da un frammento, da un particolare, è capace di cogliere e spiegare un’epoca».

Ha constatato atteggiamenti differenti fra gli storici?

«Certamente sì. C’è, ad esempio, chi sta sul suo podio e dispensa dall’alto il suo sapere, mentre altri “spezzano il pane” della loro competenza con il pubblico, dimostrando vocazione pedagogica e notevole capacità comunicativa».

Negli ultimi tempi iniziative quali lo stesso Premio Friuli Storia, i vari festival di storia, alcuni programmi televisivi di spessore o, ancora, le lezioni di storia a teatro, hanno riscosso un ampio successo di pubblico.

«Ecco, questo è un fenomeno che incoraggia e che consola: vedere piazze intere “stregate” dalla semplice e pacata parola degli esperti, per confrontarsi con argomenti tutt’altro che banali, e spesso impegnativi, è una delle migliori novità degli ultimi vent’anni».

Anche il Friuli Storia vive del connubio fra storici di professione e un pubblico sempre più numeroso, composto da lettori navigati ma anche da altri alle prime armi...

«Ciò riconferma che ci sono ancora passioni vere per la conoscenza, e che non tutto è perduto: evidentemente, c’è ancora un’enorme riserva di voglia di leggere, di capire, di non accontentarsi della superficialità».

Ma alla fin fine la storia è, come si usa dire, “maestra di vita”?

«Senz’altro la storia aiuta a capire il presente; dunque insegna, è “maestra”, ma il cuore dell’uomo è da sempre un impasto di bellezza e miseria, ed è un po’ restio ad imparare… Anche leggendo i tre libri finalisti mi colpisce constatare che dagli errori del passato qualcosa abbiamo appreso, sì, ma in certi errori siamo ricaduti».

I commenti dei lettori