In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Il racconto

“Quella solita domenica: la gita al lago di Verzegnis e il pranzo coi cjarsons”

Il racconto di Marco Balzano ambientato in Friuli, vincitore del premio della Regione a Pordenonelegge. La consegna del riconoscimento sabato alle 11 allo Spazio San Giorgio

MARCO BALZANO
2 minuti di lettura

Lo scrittore Marco Balzano ha vinto la terza edizione del Premio letterario Friuli Venezia Giulia “Il racconto dei luoghi e del tempo”, istituito dalla Regione, con un racconto lungo pubblicato da Italo Svevo Edizioni in coedizione con Fondazione Pordenonelegge.it (in libreria da ottobre). Il premio sarà consegnato al festival, sabato 17, alle 11 Spazio San Giorgio. Ecco un’anticipazione del racconto, per gentile concessione di editore e Pnlegge.

***

Davanti casa, con le chiavi già in mano, non so che mi è preso, ma mi ha fatto paura entrare. Si è irrigidita tutta la schiena, ho dovuto mettermi le mani sulle reni. Avevo i capelli appiccicati alla fronte e mi è salita una rabbia enorme per non avergli chiuso gli occhi. Avrei dovuto tirare un pugno a quel me, dico.

L’ultima chiave ha girato nella toppa, ma a quel punto avevo già fatto dietro front e sbattendo il cancello sono tornato alla macchina. Mi è venuta voglia di andare verso Chiaicis e lo avvertivo dal dolore alla schiena che si allentava che era la cosa migliore da fare. Avrei potuto elencare a memoria i fatti di quella loro domenica, immutabili da sempre.

Primo, una puntata al lago di Verzegnis, dove negli anni d’oro andavano a ballare con altre coppie di amici e dove adesso facevano lunghe passeggiate aiutandosi coi bastoni. Poi, all’ora di pranzo, ripartivano alla volta di Villa per una visita alla pieve di San Martino, che è la ragione del mio nome.

In quella chiesa da piccolo mi divertivo a saltare con un piede solo sulle lastre di marmo dello stesso colore, finché mia madre, con un dito sulla bocca a dirmi silenzio, non mi portava per mano a recitare l’Angelo di Dio in ginocchio sulla panca. Per chiudere, il pranzo coi cjarsons all’osteria di fronte.

Non c’è mai stato verso di cambiare posto, neanche quando – negli ultimi anni – la cucina e l’ambiente si erano fatti un po’ troppo sofisticati per i gusti di mio padre. Tutto sapevo di quelle domeniche sempre identiche, meno che quella fosse l’ultima e che al solito tavolo per due non sarebbero arrivati a sedersi.

Quante volte mi avevano costretto a quel rito? E chi ero io allora, oltre a un brufoloso liceale che se non usciva a ubriacarsi da Guido restava in casa a tradurre Truman Capote anche la notte di Capodanno? C’è ancora un nesso tra quel che ero e quel che sono? E loro due? Erano ancora mia madre e mio padre o erano una coppia di settantenni come tante altre, che sopravvive al mondo e a sé stessa con silenziosa dignità, aggrappandosi come un albero alla certezza di una radice che per loro si chiamava Ampezzo? Lì erano nati, lì si erano conosciuti e sposati, lì avrebbero voluto che rimanessi anche io.

Avevo intenzione di fermarmi sul luogo dell’incidente, così ho guidato a sessanta all’ora senza perdere di vista il guardrail. Le montagne attorno erano più nitide che mai e quelle nuvole bianche ostinatamente immobili sulle cime rendevano ogni minuto più crudele. In lontananza tra un sentiero di faggi saliva una fila di camion da cantiere che sembravano formiche, pazienti e instancabili.

Ho provato a ridurre a dimensione di formica i monti, le nuvole incastonate nell’azzurro, la strada, il burrone che la costeggiava, le automobili, la mia persona, il volante, i corpi dei miei genitori sotto le lenzuola bianche dell’obitorio. L’ho fatto per rimpicciolire l’importanza di esistere e l’ineluttabilità di soffrire per quelle vite troncate, in nulla diverse dalle formiche schiacciate da un piede distratto. Non ha funzionato.

O forse ho perso la concentrazione, perché d’improvviso ho visto il guardrail spaccato, su cui due operai in tuta gialla erano già al lavoro. Ho frenato ma alla fine ho ridato gas e ho proseguito anch’io fino al lago.

I commenti dei lettori