In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
la rassegna a pordenone

Cinema Muto, il programma e le anteprime del fine settimana: c’è il circo di Tod Browning

2 minuti di lettura

La nuova copia di uno dei titoli cult della storia del cinema, “The Unknown” (“Lo sconosciuto”, 1927), ambientato nel mondo del circo, inaugura sabato 1 ottobre al Teatro Verdi di Pordenone la 41a edizione delle Giornate del Cinema Muto. Il circo, forma di spettacolo composita e variegata, intriso di magia e genuinamente popolare, è una sorta di antenato del cinema, il quale ha spesso portato sugli schermi il mondo circense, da Chaplin a Fellini, Wim Wenders, David Lynch, e soprattutto Tod Browning (1880-1962). Affascinato fin dall’infanzia dalle troupe di saltimbanchi che, di città in città, mettevano in mostra creature bizzarre, sorelle siamesi, donne barbute, maghi, all’età di sedici anni scappa dalla sua casa di Louisville nel Kentucky e viaggia attraverso l’America con baracconi e circhi, lavorando come clown e comparsa in numeri di ipnotismo e levitazione.


Nel 1913 comincia a lavorare per il cinema, cominciando dal basso. Dopo qualche anno, diventato regista, conosce il giovane produttore Irving Thalberg: un incontro decisivo per la sua carriera di cineasta.


Quando Thalberg diventa vicepresidente della neonata Metro Goldwyn Mayer, gli affida la regia del film di ambiente circense, “The Unholy Three” (“Il trio infernale”, 1925) con Lon Chaney come protagonista: è la storia di tre ex fenomeni da baraccone che diventano delinquenti. Grazie al grande successo di questo film Browning non solo raggiunge la notorietà, ma il sodalizio che viene a crearsi tra lui e Chaney, fondato su un perfetta sinergia fra la sua inclinazione verso il mostruoso, le deformazioni e le mutilazioni fisiche e la versatilità dell’attore, sempre magnetico e coinvolgente, già interprete di moltissime pellicole, con una grande esperienza nel ritrarre i suoi personaggi come caratterizzazione straordinaria, riuscirà a realizzare film memorabili, tra i quali “The Unknown”.


È una storia a forti tinte. Per sfuggire alla polizia, Alonzo (Lon Chaney), un assassino, si fa assumere in un circo spagnolo lavorando come lanciatore di coltelli, utilizzando in maniera abilissima le dita dei piedi, essendo privo delle braccia. Si innamora della bella e sensuale Nanon (Joan Crawford), sua partner nello spettacolo e figlia del proprietario del circo. La giovane, che ha una repulsione nei confronti delle mani degli uomini, non accetta gli insistenti approcci di Malabar, l’uomo forzuto che nel circo esibisce la potenza delle sue braccia; mostra invece di assecondare le attenzioni di Alonzo. Ma costui nasconde un segreto: egli in realtà ha le braccia, che tiene legate sotto un corpetto allo scopo di celare un particolare fisico che rivelerebbe la sua identità; un doppio pollice nella mano destra. Il padrone del circo scopre il suo segreto e Alonzo lo uccide. Poi, volendo a tutti i costi conquistare Nanon, costringe un chirurgo ad amputargli entrambe le braccia. Di ritorno dall’operazione, scopre però che la donna ha superato la sua fobie e che ora si lascia abbracciare dall’uomo forzuto. Per eliminare l’avversario, escogita un’atroce vendetta, di cui però, in un crescendo vertiginoso di ritmo e di tensione, rimarrà vittima lui stesso.
In questo morboso e inquietante melodramma, sempre in bilico tra orrore e tragedia, che insiste sul tema della deformità, Tod Browning ci mostra dunque il circo come un mondo popolato da individui che nascondono drammi e sofferenze che spesso si tramutano in vendette e violenze.


Dopo la sua distribuzione alla fine degli anni ’20, la pellicola ritorna nei magazzini della Metro Goldwyn Mayer e viene “riscoperta” circa quarant’anni dopo in Francia, ma in una copia incompleta della durata di circa 50 minuti, mentre l’originale era di 65 minuti. Più tardi un’altra copia, contenente le parti mancanti, fu recuperata nel Národny filmový Archiv di Praga. Così il film completo poté essere meticolosamente restaurato dal George Eastman Museum di Rochester (New Jersey) e viene ora presentato con una nuova partitura orchestrale del messicano José Marìa Serralde Ruiz, commissionata per l’occasione delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone. —
© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori