In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
la storia

Quando in Carnia si nasceva nelle stalle e negli stavoli

Martina Delpiccolo
1 minuto di lettura

“Comari”, “santule”, levatrice, ostetrica. Nell’uso dei nomi c’è già una storia, un’evoluzione dall’assistenza domestica a quella ospedaliera, una trasformazione della figura che presiede il parto, momento che è mistero, sangue, contatto diretto con la vita, ma anche con la morte, transizione, passaggio, taglio, inizio.

Barbara Vuano, partendo dalla tesi di laurea in Antropologia culturale con relatore il professor Gian Paolo Gri, pubblica un libro-inchiesta, che è anche ricostruzione storica e riflessione attorno alle simbologie dei gesti e riti della tradizione, partendo dagli studi di Nicoloso Ciceri e Ostermann. Nascere nella cenere (Forum Editrice) rimanda alla “cinise” sterile su cui poteva avvenire il parto, in una stalla o in stavoli sperduti. Il libro è stato recentemente presentato a Palazzo Antonini a Udine, dall’autrice con Donatella Cozzi, Patrizia Quattrocchi e Fabiana Fusco.

Le interviste, raccolte nel 2005-2006 a 5 ostetriche e 5 partorienti in casa, narrano vicende avvenute tra il ‘42 e il ‘79 nei comuni carnici, dove più sopravvive la tradizione: Rigolato, Comeglians, Ovaro, Lauco, Socchieve e Sutrio.

Scopriamo che il parto in Carnia, normalmente in casa fino al ‘62 (prima della sovvenzione per l’assistenza ospedaliera), non era un fatto privato ma della collettività. Varie le presenze femminili solidali oltre la levatrice, che procedeva con la bollitura degli strumenti e l’olio di ricino per intensificare le contrazioni. Per le partorienti c’era il “mangiâ speciâl”, “roba cjara”, “las spremudas” o la gallina “cu las plumas neras”, e poi 40 giorni di isolamento fino alla benedizione del prete. I rituali di seppellimento della placenta spettavano al marito. Se il bimbo nasceva con la camicia, avvolto nel sacco amniotico, poteva essere un benandante.

Stretta la corrispondenza tra il corpo della donna e quello del nascituro: le collane usate in gestazione potevano far soffocare il bimbo dal cordone ombelicale nell’atto della nascita, i desideri potevano trasformarsi in voglie, macchie perenni sul figlio. C’erano i santi a cui votarsi per avere prole o, viceversa, l’unico contraccettivo, l’emigrazione per lavoro del marito. E i precetti magici per preservare la donna incinta: non giurare per non avere un figlio bugiardo e guai farsi toccare da altre donne o uccidere animali.

Tra le pagine troviamo la levatrice che introduce la novità di far partorire in cucina portandovi la rete del letto, perché le camere non erano riscaldate, o l’ostetrica dell’ospedale di Tolmezzo che racconta come il parto da evento fisiologico sia diventato patologico, ossessivamente monitorato.

E la sorpresa delle sorprese: la levatrice che comunica alla donna appena sgravata che «ce n’era un altro, lei l’aveva capito subito, non gliel’aveva detto per non agitarla».

I commenti dei lettori