In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Teatro

Solfrizzi recita Molière: «Un malato immaginario sempre molto attuale»

L’attore protagonista dello spettacolo al Giovanni da Udine. «Con la pandemia anche molti di noi hanno smesso di esistere»

GIAN PAOLO POLESINI
2 minuti di lettura

Quanto mai contemporaneo, eppure quel testo ha trecentocinquant’anni. Eterno. Argante è un personaggio iconico della galleria storica del teatro e lo si interpreta solitamente in età avanzata. È un arrivo, una prova d’attore importante, un po’ come l’Amleto o come Eddie Carbone de “Lo sguardo dal ponte”, ecco, ma lui è più amabile e ironico.

Emilio Solfrizzi, già fan di Molière avendo rappresentato “Il borghese gentiluomo” qualche stagione addietro, riabbraccia il maestro francese che nacque quattrocento anni fa (1622) onorandolo con un “Malato immaginario” di rara interpretazione — come dire — più bellicoso del solito. L’edizione firmata da Guglielmo Ferro sarà sul palco del Giovanni da Udine da oggi, martedì 22 a giovedì 24 (le prime due sere alle 20.45, l’ultima alle 19.30). Con un antipasto gradito a Casa Teatro domani mercoledì 23 alle 17.30: il pubblico potrà incontrare la compagnia. Condurrà Elena Commessatti. Sarà presente la psicologa Giada Sinelli.

Solfrizzi, complici gli anni pandemici, la malattia è stata “celebrata” in tutte le sue molteplici forme ed ecco che una commedia antichissima diventa d’attualità.

«Ormai non ci sorprende più la lungimiranza di certi artisti dei secoli scorsi che seppero scrivere sorvolando il loro presente e pure il nostro. Il gran parlare di esperti e non durante il biennio del virus diciamo più aggressivo, ci ha costretto a vivere un guazzabuglio mediatico con la conseguente fioritura di una seconda pandemia, quella sociale.

Ed è questa, ahimè, che plasma gli Argante. Lui è un uomo che ha più paura di vivere che di morire e cade in questa contraddizione straordinaria: per preservare la vita finisce per non viverla. Anche molti di noi hanno smesso di esistere. E alla nuova alba ci siamo guardati negli occhi accorgendoci che non era più come prima. Vivere implica dei rischi, ma io voglio correrli, quei rischi».

Affrontare i classici significa rispettarli, ma anche dare loro una nuova estetica, non necessariamente modernizzarli, diciamo rivitalizzarli. Che operazione è questa, Emilio?

«Direi particolare. Spiego. Intanto è stata generata in pieno Covid 19 e non sapevamo come sarebbe finita. Il Quirino compiva 150 anni e la direzione voleva far festa con un testo immortale ed eccolo qui. Aggiungiamoci i 400 anni dalla nascita di Molière e i 100 da una dalla interpretazioni più celebri di Argante: quella di Turi Ferro. Abbiamo scelto un punto di vista senza dubbio originale, ovvero caricare di energia quel vecchio brontolone che, di solito, credendosi molto malato, non trovava la forza per combattere medici e famigliari».

Lei è ipocondriaco per caso?

«All’opposto. Sono grato al destino di non esserlo. Ho degli amici che soffrono e faticano a non inchiodarsi sui sintomi, magari immaginari, appunto. Io semmai dovessi prendere una pastiglia quotidiana avrei bisogno di qualcuno che me lo ricordasse. Se ho un dolore qualunque il mio primo pensiero è: passerà. Interpretare Argante implica una buona dose di fatalismo, nelle malattie s’intende. Un attore che mai patisse la stessa sindrome lo vivrebbe malissimo. Al contrario io ci gioco».

Come uomo di televisione, oltreché di cinema, si è accorto che la tv generalista ormai si affida al sensazionalismo per campare? E a qualche cacciata dal tempio.

«Ormai i programmi soddisfano la cosiddetta “pancia” degli spettatori e la richiesta è nettamente al ribasso. Un tempo eravamo attratti dal meglio, ora ci soddisfa il peggio. Venite a teatro, dai».

I commenti dei lettori