In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
teatro

Martina Badiluzzi: «La mia Penelope, una storia di riscatto dal potere maschile»

La giovane regista friulana al Romaeuropa Festival. «L’apprendistato amoroso di una donna di oggi»

Mario Brandolin
2 minuti di lettura

Un’infanzia e adolescenza tutta udinese, un anno alla Nico Pepe di Udine e poi il grande sbarco a Roma dove ha studiato, tra gli altri, con maestri quali Anatolij Vasil’ev, il duo Deforian/Tagliarini, Lucia Calamaro, Christiane Jatahy, Romeo Castelluci, e dove tra mille difficoltà sta imponendosi per un suo percorso originale e personale.

Parliamo della giovane Martina Badiluzzi che recentemente al Mattatoio di Roma ha presentato per il prestigioso e internazionale Romaeuropa Festival il suo ultimo lavoro: Penelope, secondo capitolo di una trilogia dedicata all’universo femminile contemporaneo attraverso figure femminili del passato il cui spessore umano e simbolico risuona con forza anche nel nostro presente.

«Penelope – racconta – arriva a due anni di distanza di The Making of Anastasia con cui avevo vinto il bando Biennale College Registi Under 30 e che metteva in scena la storia di Anna Anderson, la donna che per tutta la vita ha detto di essere l’ultima Romanov senza peraltro essere mai creduta e prima de Le Sorelle Bronte, il mio prossimo progetto.

Per Penelope ho preso spunti dal romanzo di Margaret Atwood, Il canto di Penelope e da quello di Clarice Lispector, Un apprendistato o il libro dei piaceri»

Che storia di Penelope viene fuori, una storia di riscatto dal potere maschile, di presa di coscienza…?

«A me piace definirla come un apprendistato amoroso che passa attraverso le relazioni col maschile, dal padre ai compagni di scuola, il branco dei maschi, fino all’incontro con l’uomo della sua vita Ulisse. Anche se alla fine questo incontro si tradurrà poi in un’assoluta solitudine.

Da qui le domande che Penelope si pone. E che la faranno crescere. Lavora di fantasia e immaginazione la mia Penelope, donna di oggi, che ha conti in sospeso col maschile che cerca di far quadrare ripercorrendo a livello simbolico e fantastico gli incontri e i personaggi che scandiscono l’Odissea».

Nello spettacolo c’è un’interprete, Federica Carruba Toscano, ma non è sola.

«Infatti non è sola pur in una situazione di solitudine amplificata da un caldo afoso: a tenerle compagnia infatti ci sono tanti ventilatori che puntellano il corridoio in cui si rifugia (l’allestimento lo firma l’artista visivo Fabrizio Cicero) e i quali come in un contrappunto musicale (le composizioni sono di Samuele Cestola in arte Samovar) evocano i vari personaggi».

Teatrante a tutto tondo, drammaturga, regista e attrice, anche con un curriculum piuttosto denso di riconoscimenti, lei fa parte di quella generazione di artisti trentenni o giù di lì, determinati, curiosi, attentissimi al presente, che però fanno fatica a trovare spazi e continuità.

«È vero, e spesso siamo costretti a soluzioni sceniche e drammaturgiche, come i monologhi, che non dico di ripiego, ma i soli che ci facilitano nella circuitazione, ad esempio.

Ma per il prossimo progetto conto di rifarmi: quattro personaggi per Le sorelle Bronte, un progetto che inizierò proprio in Friuli a Villa Manin, e questo lo considero un ritorno di buon auspicio, dove fino ai primi di dicembre sarò al lavoro con gli interpreti all’interno di Dialoghi, le residenze del Css».

I commenti dei lettori